Mezza città al buio. Scherzo di cattivo gusto o tentativo di sabotaggio politico? La dichiarazione della Sindaca Laera sulla vicenda

Sindaca di Putignano Luciana Laera 2Putignano Ba – Un buona parte di Putignano è rimasta al buio l’altra sera, a seguito pare, dell’azione sconsiderata messa in campo da un gruppo di ignoti che, intorno alle ore 20, avrebbe proditoriamente manomesso i contatori, sabotando l’impianto dell’illuminazione pubblica, lasciando così mezza cittadina al buio.

L’increscioso episodio, si è verificato in piena campagna elettorale per le comunali che, peraltro, vedono la stessa sindaca uscente, ricandidata per il secondo mandato. Il messaggio sottinteso che è passato quando la notizia si è diffusa, sembrerebbe quello di uno “sgambetto” un po’ azzardato di qualche parte politica avversa.

Tornando all’accaduto, già da alcuni giorni per la verità, si susseguivano sui social con tanto di foto, segnalazioni di cittadini che lamentavano interi rioni con le luci spente. Poi l’annuncio della Sindaca, diramato sia tramite nota stampa, sia con un video piuttosto indignato sui social con la seguente dichiarazione:

“Si tratta di un fatto gravissimo – il commento della Sindaca Laera – che, non si esclude, possa essere stato alimentato dalla volontà di esasperare i putignanesi, avvelenando ulteriormente il clima nel quale da qualche mese si consuma il dibattito sul nuovo impianto della pubblica illuminazione…”.

.

Il riferimento è alle aspre polemiche e al disappunto manifestato in più occasioni e in più sedi dagli stessi cittadini, da quando Putignano è passata, qualche mese fa, al sistema a led (da 8milioni e passa di euro) per la pubblica illuminazione. Con risultati da subito insoddisfacenti poiché il nuovo impianto è stato bollato come "insufficiente" da un punto di vista funzionale, per via dell'aspetto spettrale che molte vie cittadine hanno assunto dopo il passaggio alle pallide lampade a led, in sostituzione di quelle precedenti a luce calda e diffusa. Tant’è che la locale amministrazione sta ricorrendo da settimane all’installazione di nuovi punti luce di rinforzo.

Del “sabotaggio” dei contatori da parte di ignoti è certa la Sindaca Laera, la quale ha spiegato che tali atti siano stati inquadrati dalle telecamere di videosorveglianza. “Sulla vicenda – Sottolinea la prima cittadina - indagano infatti le forze dell’ordine che, anche grazie all’utilizzo delle immagini delle telecamere a circuito chiuso presenti in città, potrebbero presto dare un nome ed un cognome ai responsabili dell’atto vandalico.  Mi auguro che le forze dell’ordine – Conclude la Sindaca - possano presto individuare i responsabili del gesto e chiarire anche questo aspetto della vicenda”.

 
Condividi