L’operazione di decompressione midollare cervicale mininvasiva è stata eseguita con successo dal Dott. Giulio Cecchini, su una donna lucana di 57 anni che rischiava la paralisi

Dott. Giulio CecchiniPutignano Ba - Rischiava di rimanere paralizzata per via di una malformazione congenita alle vertebre cervicali, complicata dall’artrosi, una donna di 57 anni, inizialmente ritenuta quasi inoperabile. Ora sta bene grazie ad una raffinatissima tecnica chirurgica di decompressione midollare cervicale mediante odontoidectomia dell'epistrofeo per via endoscopica endonasale mininvasiva.



A portare a termine con successo il delicato intervento è stato un neurochirurgo nato e residente a Putignano, il Dott. Giulio Cecchini, 33 anni, probabilmente il più giovane neurochirurgo al mondo ad eseguire tale procedura, in collaborazione con il collega e amico Dott. Francesco Di Biase.

L’operazione è stata eseguita nell’ospedale San Carlo di Potenza con la supervisione del Direttore del reparto di Neurochirurgia, Dott. Giovanni Vitale. Va infatti precisato che questo intervento viene eseguito in pochi centri esclusivi ultraspecializzati in neurochirurgia mininvasiva. La signora era affetta da una malformazione congenita della giunzione vertebrale tra testa e collo (Epistrofeo).

Tale malformazione, inizialmente di grado lieve, si era aggravata negli anni con la comparsa dell’osteoartrosi, al punto di procurarle addirittura una compressione del midollo al livello occipitale.

«Questa compressione del midollo era principalmente dovuta al dente dell’epistrofeo (seconda vertebra cervicale) che si proiettava all’interno della parte bassa del cranio e che, da circa sei anni – spiega il Dott. Cecchini - aveva cominciato a causarle cefalee, piccole apnee notturne, disturbi del movimento, fino alla tetraparesi.»

Come lo stesso neurochirurgo putignanese ha spiegato, per rimuovere questo dente dell’epistrofeo le metodiche a disposizione sono pochissime e dipendono dalla complessità del caso in esame. Si tratta di un’area chirurgica rischiosa per la presenza del centro del respiro, del battito, ecc.. Molte strutture infatti, nelle circostanze più gravi, pare si limitino ad un trattamento di tipo fisiatrico e ad una trazione della testa del paziente. 

Le opzioni più diffuse per la rimozione del dente della vertebra epistrofeo, prevedono prevalentemente l’accesso chirurgico dalla bocca (transorale), con il rischio di alcune complicanze legate alla deglutizione a alla fonazione. Nel caso della 57enne è stato invece possibile intervenire passando dal naso con la tecnica endoscopica mininvasiva endonasale meno soggetta a infezioni e che non prevede alcuna incisione cutanea. Infatti la paziente non presenta alcuna ferita chirurgica né punti di sutura.

La signora ora sta bene, ha già ricominciato ad alimentarsi autonomamente, ha sospeso la terapia antibiotica ed è stata dimessa dall’ospedale. La paziente ha altresì manifestato un progressivo aumento della forza e della mobilità degli arti, cammina meglio e presto saranno anche superate le apnee notturne e le cefalee.

Dopo  la rimozione del dente dell’epistrofeo, si procederà dopo qualche settimana ad una nuova operazione di consolidamento delle prime due vertebre cervicali finalizzata ad agevolare il movimento della testa (la mobilità è assicurata temporaneamente da un collare).

«Fondamentale è tuttavia la diagnosi tempestiva di questo tipo di patologie - conclude il neurochirurgo -  Poiché potrebbe non essere più possibile ottenere il pieno recupero in soggetti con diagnosi tardiva e già troppo compromessi fisicamente.»

 
Condividi