gototopgototop

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Banner
Farmacie di turno
sabato 26 maggio 2018
Farmacia Comunale
piazza Padre Pio
Tel. 080.4911513
Il Codacons Puglia lancia lo sportello telefonico sul canone Rai in bolletta
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Il Codacons Puglia lancia lo sportello telefonico sul canone Rai in bolletta

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Utilità

L’associazione fornisce un numero verde chiarimenti e aiuto su esenzioni e modalità di pagamento ai cittadini. Il 16 maggio è ultimo giorno utile per presentare la dichiarazione sostitutiva

Canone_Rai_in_bollettaA partire dal prossimo luglio il canone Rai si pagherà con la bolletta. L’odioso balzello verrà addebitato a rate direttamente sulle fatture dell’elettricità ma, a poche settimana dall’entrata in vigore del provvedimento, regna ancora caos e confusione.

il Codacons riceve da settimane richieste d’aiuto da parte dei cittadini della Puglia, che non sanno se devono pagare, quanto, come, e non conoscono le modalità di esenzione e di moduli da presentare, ad esempio in caso di seconde case o di più utenze intestate – spiega il Codacons – Per tale motivo si è deciso di lanciare uno Sportello telefonico di consulenza sul canone Rai dedicato ai cittadini della regione, dove un team di esperti fornirà informazioni e assistenza per districarsi nel ginepraio di regole e regoline relative al canone Rai e per l’eventuale esenzione.

Tutti gli interessati possono contattare il call center dedicato al numero 895 569 87 65. Inoltre il 16 maggio è ultimo giorno utile per presentare la dichiarazione sostitutiva (cartacea o telematica) volta ad evitare l’addebito automatico del canone.

Attraverso tale servizio telefonico, il Codacons fornirà aiuto agli utenti della Puglia anche in merito alle tante situazioni dubbie e confuse, come ad esempio convivenze, studenti fuori sede, colf e badanti che rischiano di pagare il canone pur nelle situazioni in cui non sono tenuti al versamento dell’imposta.