Nuovi tagli ai reparti: via la geriatria e la direzione sanitaria, depotenziati il laboratoro di analisi e nefrologia

Ospedale_chiusura_repartiPutignano (Ba) -  Un nuovo inatteso colpo di scure si è abbattuto sul nostro Ospedale S.Maria degli Angeli. I nuovi tagli riguardano sanciti da una delibera delibera n.1849 del 31 Ott. 2012 (non preannunciata né concertata) che sposta la Geriatria a Triggiano, un depotenziamento del laboratorio analisi a prospetta la cancellazione della direzione sanitaria dell’ospedale.


Provvedimenti che sommati alle contrazioni già dei reparti Cardiologia, Pediatria e la mancata collocazione di primari, fanno ritenere che l’Ospedale di Putignano possa essere veramente destinato a chiudere i battenti. La questione è stata animatamente dibattuta ieri sera in sala consiliare a Putignano, nel corso di un incontro con sindaci e rappresentanze politiche dei Comuni interessati per territorio al destino dell’Ospedale di Putignano, Alberobello, Turi, Castellana Grotte, Gioia del Colle e Noci.

Con loro anche medici, tecnici e operatori sanitari  che hanno ben  descritto gli aspetti controversi di tali depauperamenti ai danni del nostro ospedale indicano la malcelata intenzione di farlo capitolare. In tarda mattinata di oggi è previsto un nuovo incontro dei sindaci presso la Direzione Sanitaria Generale, finalizzata alla richiesta di chiarimenti e alla proposizione di un documento condiviso, indirizzato Al Presidente della Regione Puglia Dott. Niki Vendola,  All’Assessore Regionale alla Sanità  Dott. Ettore Attolini e al Direttore Generale, Azienda Unità Sanitaria Locale ASL BA Dott. Angelo Domenico Colasanto.

Di seguito uno stralcio del documento sottoscritto dai sindaci di Putignano, Turi Alberobello, Castellana Grotte, Gioia del Colle, Locorotondo e Noci  

L’Amministrazione Comunale di Putignano …..  esprime la ferma volontà di opporsi a qualsiasi ipotesi di ridimensionamento dei servizi socio-sanitari del territorio di riferimento.

Gli atti aziendali succedutisi dalla primavera del 2012 in poi operano esclusivamente “tagli” al suddetto ospedale senza alcun apparente criterio logico ….

Nel recente e recentissimo passato sono già state eseguite delle scelte che hanno penalizzato pesantemente la nostra comunità territoriale. Si assiste oggi a un ulteriore e “mortale” depauperamento …. 

Nefrologia

– passa  da 10 posti letto  a 5 posti letto  allocati in Medicina (senza primario), nonostante la presenza di 186 pazienti dializzati ed eliminazione del primario. Privando un vasto bacino d’utenza dell’unico reparto di nefrologia oltre quelli ubicati nelle città di Bari, Brindisi e Taranto;

Laboratorio d’Analisi

– passa da 7 medici a 2, da 13 tecnici a 6 (impossibilitato così a garantire persino le indispensabili prestazioni interne), con un trend in crescita in volumi di lavoro che passa da 987.652 esami nel2011 a1.111.171 esami da gennaio a ottobre 2012.

 E sanciscono l’eliminazione di:

Geriatria (trasferita a Triggiano); e Direzione Sanitaria.

Il tutto in aggiunta a quanto disposto dalla riorganizzazione della pianta organica che priva l’ospedale di Putignano di un qualunque primario nei reparti di area medica e riduce il personale infermieristico del reparto di cardiologia (dopo aver eliminato l’UTIC) a sole n.13 unità del tutto insufficienti a garantirne la piena e opportuna funzionalità.

Questo depotenziamento o eliminazione ha portato, in seguito ad un processo avvenuto con costante determinazione, spesso “nell’ombra” e senza condivisione alcuna con il territorio attraverso i suoi rappresentanti, alla riduzione della capacità del “Sistema Ospedale” (che di fatto a breve determinerà l’impossibilità del suo funzionamento e la conseguente chiusura) di fornire una risposta adeguata alla domanda del territorio, e a un sensibile e preoccupante incremento delle disuguaglianze tra cittadini per quanto riguarda il loro diritto alla salute.

... Chiede

all’Assessore Regionale alla Sanità – Dott. Ettore Attolini di verificare le congruità e il rispetto dei criteri (a noi sconosciuti) che hanno o stanno determinato la situazione di “impoverimento” dell’Ospedale di Putignano (ricordandoLe che nell’incontro tenuto nel luglio scorso aveva dato ampie rassicurazioni in senso contrario), che tanto negativamente graverà sui cittadini, e

Invita

il Direttore Generale dell’Azienda Unità Sanitaria Locale ASL BA – Dott. Angelo Domenico Colasanto a ritirare le delibere in oggetto promovendo un tavolo di condivisione sul tema della riorganizzazione…..

 
Condividi