Riceviamo e pubblichiamo il seguente Comunicato Stampa diramato della segreteria del Sindaco della città di Putignano 

Spine_RossinePutignano (Ba) - L’Amministrazione Comunale viene sollecitata dagli uffici scolastici cittadini a chiarire se, con la riorganizzazione scolastica imposta dalle norme nazionali, vi siano differenze tra gli Istituti Comprensivi (unione in senso verticale di scuole d’infanzia, scuole primarie e scuole secondarie di primo grado).

L’Amministrazione Comunale sostiene nello stesso modo e con la stessa energia entrambi gli Istituti Comprensivi di nuova costituzione. Non esistono scuole di serie A e di serie B perché gli alunni sono tutti di serie A.  

L’Amministrazione Comunale nell’interesse superiore degli studenti è fortemente impegnata per garantire uguali opportunità a tutti, indipendentemente dalla scuola che frequentano. Questo significa, quindi, che l’Amministrazione Comunale garantisce e si impegna a garantire attrezzature ed edifici di pari dignità e valore.

La delibera n. 125 del 25/01/2012 con cui la Regione Puglia ha comunicato la composizione dei due Istituti Comprensivi al Comune e alle Scuole interessate è la seguente:

Istituto Comprensivo: Scuola dell’Infanzia Statale “Spine Rossine”, Scuola dell’Infanzia Statale ”Romanelli”, Scuola Primaria Statale “G. Minzele”, Scuola Secondaria Statale di 1° Grado “G. Parini”.

Istituto Comprensivo: Scuola dell’Infanzia “San Nicola”, Scuola Primaria Statale “A. De Gasperi”, Scuola Secondaria Statale di 1° Grado “Stefano da Putignano”.

Si evidenzia quindi che la Scuola dell’Infanzia “Spine Rossine” è compresa nell’Istituto Comprensivo costituito dalla Scuola dell’Infanzia Statale ”Romanelli”, Scuola Primaria Statale “G. Minzele”, Scuola Secondaria Statale di 1° Grado “G. Parini”.

In merito alla Dirigenza dei nuovi Istituti comprensivi, l’Ufficio Scolastico Regionale emanerà una circolare con dei criteri per l’individuazione dei Dirigenti.

Si precisa, quindi, che eventuali individuazioni degli Istituti Comprensivi con indicazioni numeriche non hanno alcun valore di priorità ma solo significato di riconoscimento.

IL SINDACO

Avv. Gianvincenzo Angelini De Miccolis

 
Condividi