Secondo il neo eletto direttivo, la decisione spetta all'Unpli Regionale

Sede Pro LocoPutignano Ba - Dopo l'annullamento delle votazioni della Pro Loco da parte del Collegio dei probiviri regionali del 14 giugno scorso,  a seguito di ricorso presentato da alcuni soci assistiti dall'avv. Stefano Maria Sisto, i quali avevano contestato diverse irregolarità nelle operazioni di voto, il nuovo direttivo guidato dal presidente Luigi Cino, ha inteso replicare  con propria nota stampa che riceviamo e pubblichiamo di seguito.


«Nei giorni scorsi sono state diffuse notizie riguardo un annullamento delle votazioni della Pro Loco svoltesi lo scorso 14 giugno.

In realtà si tratta di informazioni diramate in modo frettoloso e incompleto. Sulla questione, infatti, si attende la decisione dell’Unpli Regionale in quanto il suddetto annullamento è stato espresso da un organo ad esso subordinato che, peraltro, non ha creato il contraddittorio.

Se la decisione dell’Unpli Regionale sarà confermativa, la Proloco putignanese avrà diritto di ricorso.

Le notizie diffuse al momento, quindi, sono prevaricanti e lesive dell’immagine della Pro Loco e, conseguentemente, del nostro territorio. Si rammenta, a chi lo abbia dimenticato, che le Pro Loco operano per la promozione del locale territorio da cui ne trae vantaggio, in maniera diretta o indiretta, tutta la comunità. Il concetto base, quindi, dovrebbe essere quello della collaborazione propositiva e produttiva da parte di tutti. È bene ribadire, anche, che chi opera nella Proloco lo fa in maniera totalmente volontaria, non ci sono gettoni da percepire o interessi personali da tutelare e, quindi, non c’è interesse a non rispettare le regole.

In ogni caso, sulla situazione la Proloco risponderà, per rispetto della comunità, al momento opportuno con dati certi e definitivi e chi ha fornito notizie tendenziose ed incomplete, di cui peraltro non si comprendono scopi e attività recondite, se ne assumerà responsabilità».

 
Condividi