gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Putignano - Pronto il marciapiede della chiesetta dei Cappuccini
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Putignano - Pronto il marciapiede della chiesetta dei Cappuccini

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Attualità

Terminato il restyle del marciapiede della chiesetta dei Cappuccini. In corso i lavori di allargameento del marciapiede che costeggia l'ospedale

Piazzetta_Cappuccini_PutignanoPutignano Ba – La polemica che ha accompagnato con una serie di contestazioni questi lavori di semplice manutenzione della pavimentazione su quel piccolo spazio antistante la chiesa e che costeggia l’ospedale di Putignano, non ha dunque sortito alcunché.

I lavori sono stati eseguiti nei tempi stabiliti e il marciapiede riconsegnato come promesso entro dicembre. Sabato mattina, senza preavviso alcuno, con una frugale cerimonia di benedizione officiata dal parroco don Mimmo Belvito, il sindaco con al seguito assessore ai lavori pubblici e qualche consigliere hanno dato luogo ad una piccola simbolica inaugurazione.

Gli interventi hanno interessato la pavimentazione, con il riutilizzo delle chiancole esistenti alle quali sono state aggiunte per circa il 30% del totale, quelle nuove che sostituiranno le basole rovinate e non recuperabili.

Sono stati inoltre rimossi gli alberi le cui radici avevano compromesso la vecchia pavimentazione, con contestuale piantumazione di nuovi. Sono state inoltre posizionate due panchine. Rispetto al programma iniciale invece, manca ancora e un nuovo impianto di illuminazione a palo basso.

I lavori proseguiranno ancora per alcuni giorni, per l’allargamento del marciapiede che costeggia l’ingresso all’ospedale.

Il cantiere era stato inizialmente bloccato per via di esposti inviati da uno zelante cittadino alla Soprintendenza ai Beni Culturali, nella quale si lamentava la carenza di documentazione e di adempimenti necessari per ristrutturazioni dei beni storici superiori ai settant’anni.