gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Banner
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Forza Italia Putignano chiede le scuse del Sindaco sulla questione randagismo
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Forza Italia Putignano chiede le scuse del Sindaco sulla questione randagismo

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Attualità
Comunicato Stampa di Forza Italia Putignano

Forza_Italia

Putignano Ba - Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa del coordinamento ex PDL Putignano, ora aderente a Forza Italia, relativamente alle polemiche che hanno portato alla ribalta nazionale le dichiarazioni del Sindaco De Miccolis in tema di randagismo, sull'eutanasia dei cani.  "la Germania abbatte i cani dopo sei mesi solo in casi eccezionali.... Nel caso di mancata adozione, l'animale resta in canile come accade in Italia.





Forza Italia si dissocia nella maniera più assoluta dalle parole espresse la scorsa settimana dal sindaco De Miccolis, il quale intervenendo all'assemblea generale dell'APA ha dichiarato di essere favorevole alla soppressione dei cani randagi dopo sei mesi dalla detenzione in canile citando una non meglio specificata legge tedesca.

Dopo aver verificato la normativa teutonica, grazie al contributo del direttore di un canile presente nella regione dell' Assia, uno dei sedici stati federali della Germania, possiamo affermare che come sempre De Miccolis mente sapendo di mentire, infatti la Germania risulta ben più attenta e decisamente più sensibile al problema dell'abbandono dei cani, prevedendo, un periodo di riabilitazione all'interno dei canili pari a sei mesi, dopo di che i cani sono pronti per l'adozione, e nel caso l'adozione non c'è, l'animale resta in canile come accade in Italia.

Solo nel caso in cui gli animali risultino aggressivi, e dopo la riabilitazione, la situazione di aggressività e pericolosità per gli operatori persiste, solo allora è contemplata dalla legge la soppressione dello stesso, che avviene per iniezione letale. Il tutto é finanziato dalla regione, e in caso di mancanza della stessa a provvedere é il comune.

Il sindaco si nasconde dietro un dito quando afferma che sarebbe più opportuno investire i circa 160mila euro destinati al problema del randagismo per aiutare le famiglie e i giovani in difficoltà, innanzi tutto perché confonde due problemi completamente diversi, in secondo luogo perché noi crediamo fermamente che sia compito di una amministrazione intelligente ed attenta, quello di reperire i fondi necessari e di non sperperare inutilmente gli stessi per veri e propri proclami elettorali, bensì per eliminare quegli ostacoli economici e sociali che impediscono lo sviluppo della collettività.

Il direttivo cittadino di Forza Italia, atteso che il problema del randagismo non possa essere arginato mediante la soppressione dell'animale, chiede che il sindaco si scusi  pubblicamente per le parole pronunciate, sottoponendo in tal modo l'intera comunità a giudizi negativi provenienti da più fronti.

Il coordinatore cittadino
Il direttivo Forza Italia