gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_II_Compleanno_-_720x300
Play_II_Compleanno_Red_-_720x300
Banner
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Il Comune promuove gli incentivi
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Il Comune promuove gli incentivi

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Attualità

Fino a 1000 euro per sostituire il portoncino delle abitazioni residenziali del centro storico

Putignano (Ba) - Una somma, seppur minima di 10mila euro, da destinare a incentivi, era stata già prevista in bilancio, come ci avevaCentro_Storico_Foto_Gugro_08_low confermato l’assessore competente Gianni Campanella. In particolare, grazie ad una delibera di giunta di venerdì 26 novembre, sono state indicate le modalità per erogare un contributo ai proprietari di immobili di tipo residenziale, ubicati  nel centro storico di Putignano, che eseguiranno opere di recupero architettonico dei fabbricati e delle loro pertinenze nel rispetto del Piano Particolareggiato della Regione Puglia.

Nello specifico, spiega l’assessore all’urbanistica Nicola Recchia, dovrà trattarsi di opere che i proprietari effettueranno per eliminare la cosiddette “incongruenze”. Cioè rimediare a interventi di tipo edilizio sugli immobili effettuati prima del Piano Particolareggiato all’epoca consentiti, oggi considerati inadeguati al decoro urbano del borgo antico.

Per esempio, con l’attuale provvedimento adottato dal Comune di Putignano, per eliminare le porte in anticorodal ora non più consentite, ma che probabilmente lo erano al tempo in cui furono installate, sarà possibile sostituirle con nuove e più idonee porte in legno. Il Comune erogherà un contributo pari al 40% della spesa sostenuta per i lavori documentati con fattura, a proprietari il cui redito ISEE non superi i 16mila euro l’anno.

Si prevede che il costo per la sostituzione di uno di questi portoncini si aggiri intorno ai 1300-1500 euro, quindi il Comune prevede di poter “co-finziare” con i 10mila euro messi a disposizione, circa  una quindicina di questi interventi.  All’esaurimento dei fondi, si prevede che venga stanziata una nuova somma nel prossimo bilancio per risolvere altre “incongruenze”, per esempio eliminazione delle grondaie, ecc. Nel caso in cui invece i fondi attualmente disponibili non vengano interamente spesi, andranno a sommarsi a quelli che saranno stanziati nel prossimo bilancio.

Nei prossimi giorni sarà pubblicato un avviso pubblico con modalità, termini e tempi di partecipazione e di accesso a questi incentivi





 

Aggiungi un commento

  Si consiglia di non inserire dati personali negli spazi riservati ai commenti (es. indirizzi, numeri cell. ecc.)
Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento: