gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Il Sen. Liuzzi propone il riconoscimento Unesco per il presepe
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Il Sen. Liuzzi propone il riconoscimento Unesco per il presepe

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Attualità

Il parlamentare (Noi con l'Italia), scrive al Presidente del Senato affinché la tradizione tutta italiana del presepe venga inserita nel patrimonio mondiale dell'uimanità

Sen._Piero_Liuzzi_5Roma - 'Il presepe venga annoverato fra i siti immateriali dell'Unesco e riconosciuto come patrimonio dell'umanità da tutelare'. Così il senatore Piero LIUZZI (Noi con l'Italia), membro della commissione Istruzione e beni culturali di Palazzo a Madama.

'Sia il Parlamento a proporre il riconoscimento della tradizione tutta italiana del presepe nel patrimonio mondiale dell'umanità - sostiene LIUZZI in una lettera indirizzata al presidente del Senato - affinché non se ne disperda la tradizione e venga valorizzata l'attualità dell'impianto compositivo armonicamente confacente alle peculiarità oro-corografiche della Penisola.

Il riconoscimento Unesco per il presepe italiano - afferma il parlamentare di Noci - potrebbe corroborare un elemento di identità più volte messo in discussione da un malinteso senso di multiculturalismo, dovrebbe essere accompagnato da protocolli di natura tecnico-creativa, istituirebbe un processo virtuoso di valorizzazione delle numerose natività che nel corso dei secoli sono state realizzate a corredo della statuaria natalizia.

Il presepe come modello di ricreazione paesaggistica - spiega LIUZZI - potrebbe concorrere all'auspicabile processo educativo della cura del bello rivelandosi fattore permanente di mitigazione delle spinte distruttive ambientali. Negli ultimi giorni di legislatura - conclude - le commissioni parlamentari permanenti potrebbero essere in grado di aprire una corsia privilegiata scegliendo la sede deliberante per legiferare sull'argomento.'





 

Aggiungi un commento

  Si consiglia di non inserire dati personali negli spazi riservati ai commenti (es. indirizzi, numeri cell. ecc.)
Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento: