gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Banner
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Putignano – Botti vietati a fine anno: multe da 50 a 500 euro
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Putignano – Botti vietati a fine anno: multe da 50 a 500 euro

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Attualità

Motivi di sicurezza, quiete pubblica, tutela dei minori e degli animali alla base del provvedimento

CC_Turi_sequestro_bottiPutignano Ba – Con Ordinanza n. 28 del 24 dicembre 2015, il sindaco di Putignano ha disposto il divieto di accensione e lancio fuochi d'artificio, sparo di petardi, scoppio di mortaretti, razzi ed altri artifici pirotecnici nei giorni 31 Dicembre 2015 e 1 Gennaio 2016.

Il provvedimento è stato intrapreso per motivi relativi alla sicurezza dei minori che spesso fanno uso indiscriminato di materiale esplodente, per la quiete dei cittadini, per evitare pericoli e danni alle persone o cose e per tutelare il benessere degli animali. Salate le multe in caso di inosservanza che vanno da 50 a 500 euro.

Di seguito il testo integrale dell'ordinanza

Ordinanza n. 28 del 24 dicembre 2015

Oggetto: Divieto di accensione e lancio fuochi d'artificio, sparo di petardi, scoppio di mortaretti, razzi ed altri artifici pirotecnici nei giorni 31 Dicembre 2015 e 1 Gennaio 2016.

IL SINDACO

DATO ATTO che durante il periodo delle festività di fine anno / Capodanno è consuetudine effettuare l'accensione ed i lanci di fuochi d'artificio, lo sparo di petardi, lo scoppio di mortaretti, razzi ed altri artifici pirotecnici;

CONSIDERATO che lo sparo ed il lancio dei predetti fuochi d'artificio viene effettuato molte volte anche da minori, i quali utilizzano detti materiali esplodenti con imperizia tale da rappresentare un pericolo reale e concreto per se stessi e per le persone e cose che si trovano nel posto dove avvengono gli spari;

VERIFICATO che tale condotta incide sulla sicurezza e sulla quiete dei cittadini, per l'abuso di tali artifizi senza l'adozione delle precauzioni minime per evitare pericoli e danni per le persone e cose e per tutelare il benessere degli animali;

ATTESO che l'uso di sostanze esplodenti danneggia, tra l'altro, anche il patrimonio pubblico e privato ed ostacola la libera fruibilità degli spazi pubblici per cui si registra anche una sensibile riduzione del livello della qualità urbana;

PRESO ATTO che già il vigente Regolamento di Polizia Urbana prevede, all'articolo 62, che nell'ambito dell'abitato nessuno può, senza speciale autorizzazione, sparare mortaretti od altri simili oggetti, ecc;

RITENUTO che detta previsione, estranea alle fattispecie prevista e punita dall'articolo 703 C.P., ricomprenda ogni attività di sparo di petardi, scoppio di mortaretti, razzi ed altri artifici pirotecnici;

CONSIDERATO che l'Amministrazione Comunale, ritenendo comunque insufficiente e inadeguato il ricorso ai soli strumenti coercitivi, intende appellarsi soprattutto al senso di responsabilità individuale e alla sensibilità collettiva, affinchè ciascuno sia pienamente consapevole delle conseguenze che tale comportamento può avere per la sicurezza propria e degli altri;

VISTO il Decreto del Ministero dell'Interno 5 Agosto 2008

VISTO il D. Lgs. 267/2000 e successive integrazioni e modificazioni;

VISTA la Legge n. 125 del 24 Luglio 2008;

VISTA la Legge n.94 del 15 Luglio 2009;

VISTO l'art. 57 del T.U.L.P.S.;

VISTI gli Artt. 650 e seguenti, 659 e 703 del C.P.;

VISTO il Regolamento di Polizia Urbana del Comune di Putignano;

ORDINA

Su tutto il territorio comunale è vietato in modo assoluto l'accensione ed i lanci di fuochi d'artificio, lo sparo di petardi, lo scoppio di mortaretti, razzi ed altri artifici pirotecnici nei giorni 31 Dicembre 2015 e 1 gennaio 2016.

L'inosservanza di tale divieto è sanzionata, fatto salvo quanto previsto e punito dagli artt. 673 e 703 C.P. e dalla legislazione nazionale vigente, ai sensi dell'articolo 62 del Regolamento di Polizia Urbana, con la sanzione amministrativa da Euro 50,00 ad Euro 500,00...