gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Cantieri di cittadinanza: il Comune di Putignano spiega come candidarsi
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Cantieri di cittadinanza: il Comune di Putignano spiega come candidarsi

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Attualità

Dal 4 maggio è possibile presentare le candidature solo on-line o presso i Caf convenzionati

Cantieri_cittadinanzaPutignano Ba - Dal 16 marzo scorso i Comuni e le imprese del territorio pugliese hanno cominciato a  presentare i loro progetti di Cantiere di Cittadinanza e/o di Lavoro Minimo. Ad oggi risultano trasmesse già 105 manifestazioni di interesse per complessivi 121 progetti di Cantiere da parte di soggetti pubblici e privati, nonché altre 326 manifestazioni di interesse risultano in "lavorazione".


Lo spostamento della data iniziale al 4 maggio per la presentazione delle domande dei cittadini invece, si era reso necessario anche mettere insieme sufficienti cantieri nel relativo Catalogo, al fine di consentire una più ampia scelta ai cittadini stessi.

In apposito incontro organizzato dall’assessorato ai servizi sociali del comune di Putignano, sono stati illustrati nel dettaglio modalità, tempi e termini di partecipazione a tali misure in favore dell’occupazione, sia per la presentazione dei progetti/cantieri provenienti da imprese o associazioni destinate a creare occasioni di lavoro, sia per la presentazione delle domande di adesione da parte dei cittadini interessati.

Dal  4 maggio scorso infatti, inoccupati, disoccupati e svantaggiati con ISEE familiare non superiore a 3mila euro, oltre ai lavoratori in cassa integrazione a zero ore, o con indennità di ammortizzatori sociali, possono presentare la propria domanda attraverso il portale www.sistema.puglia.it.

I Cantieri di Cittadinanza durano da 6 a 12 mesi, con un’indennità per il partecipante di 23 euro a giornata (max 500 euro al mese). Per l’attuazione della misura sono state impegnate risorse per 4 milioni di euro, che a breve saranno integrati con ulteriori 6 milioni di euro, e che in ogni caso costituiscono la prima tranche di un finanziamento che entro il mese di maggio supererà quindi i 40 milioni di euro (in attesa dell’attivazione del nuovo fondo Sociale europeo).

I cantieri possono essere promossi dai Comuni, da organismi pubblici, da imprese e organizzazioni del Terzo Settore, ad integrazione - e non in sostituzione - di attività di produzione di servizi o di manutenzione del patrimonio pubblico. A tal proposito il comune di Putignano ha sollecitato imprese e associazioni del terzo settore a presentare altre proposte di cantiere che vadano a completare i pochi già disponibili.

Per quanto riguarda i requisiti che devono avere i cittadini che vogliono candidarsi a tale occasione di lavoro, va ricordato che:

-        possono beneficiare di un cantiere le persone disoccupate da almeno 12 mesi, gli inoccupati e le persone in condizione di specifiche fragilità sociali come disabili, ex detenuti e donne sole.

-        Il Lavoro Minimo di Cittadinanza è invece rivolto ai percettori di ammortizzatori sociali, anche in deroga, la cui platea oggi in Puglia raggiunge le quasi 10mila unità. Grazie al Lavoro Minimo di Cittadinanza i Comuni, singoli o associati, che promuovono Cantieri potranno accogliere, per la loro ricollocazione, le persone in cassa integrazione anche in deroga che sosterranno una specifica attività, coerente con il rispettivo profilo professionale.

 

Per i Cantieri di cittadinanza i criteri minimi di accesso sono i seguenti:
– stato di disoccupazione (Certificato dal Centro per Impiego) di durata di almeno 12 mesi precedenti alla data di presentazione della domanda;
– stato di inoccupazione (autocertificato) e iscrizione presso i Centri per l’impiego;
– residenza in Puglia da almeno un anno alla data di presentazione della domanda;
– residenza, o stabile domicilio, attestata in uno dei comuni dell’Ambito territoriale;
– ISEE familiare non superiore a 3.000 euro;
– assenza di altre persone dello stesso nucleo che richiedono lo stesso beneficio;

Criteri di priorità per la valutazione delle domande:
– donne sole con figli minori;
– giovani fino a 29 anni compiuti;
– persone nel cui nucleo familiare vi sono 3 figli minori;
– persone con disabilità accertata superiore al 60%;
– persone non occupate che si trovino in grave deprivazione materiale e in condizioni sociali a grave rischio di marginalità.

La titolarità dell’istruttoria e della valutazione della domanda è dell’Ambito territoriale che opererà con i seguenti tempi:
1. in base all’ordine temporale di arrivo, l’Ambito acquisisce le domande, compie l’istruttoria amministrativa circa i requisiti minimi di accesso e dichiara le domanda valutabili;
2. per le domande valutabili si seguono i criteri di priorità e si attribuisce un punteggio (fissato dalla Regione), in base al quale, superata la soglia minima (60 su 100) la domanda è dichiarata ammissibile al beneficio;
3. solo le domande ammissibili sono rese visibili per il Centro per l’impiego, che provvede all’istruttoria di propria competenza, rispetto al curriculum, profilo professionale, fabbisogno formativo, stato di disoccupazione o inoccupazione, bilancio di competenze per verificare di concerto con il servizio sociale dell’Ambito la scelta di un determinato cantiere;
4. l’Ufficio di piano provvede alla convalida dell’abbinamento tra domanda di beneficio economico e cantiere disponibile;
5. qualora un richiedente ammissibile non può essere ammesso per esaurimento delle risorse, quel richiedente resta in lista di attesa, per l’eventuale rifinanziamento.

L’ammissibilità non configura il riconoscimento automatico del diritto di accesso al beneficio economico, che resta subordinato alla capienza della dotazione finanziaria che è attualmente di 77.000 euro.
Il beneficio economico assegnato alle persone ammesse ai tirocini formativi presso i Cantieri di cittadinanza non potrà superare 500 euro mensili per un periodo medio di sei mesi.

Lo domande possono essere presentate a condizione che nell’Ambito il catalogo dei Cantieri di cittadinanza risulti popolato da almeno 3 progetti di cantieri.
Nell’Ambito i progetti (almeno 3) saranno validati in questa settimana, ma nel frattempo i cittadini interessati potranno accreditarsi, non appena il Catalogo sarà popolato da almeno 3 progetti riceveranno un sms o una mail e potranno presentare la domanda.