gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Leggo, scopro e rifletto… Il Didario della scuola 'De Gasperi - Da Putignano'
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Leggo, scopro e rifletto… Il Didario della scuola 'De Gasperi - Da Putignano'

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Lettori

Se le note sono l’anima della musica, le parole e i libri sono l’anima del pensiero. E' compito degli adulti, e tra questi in particolare degli insegnanti, far innamorare i ragazzi della lettura e prepararli a diventare lettori attenti e sensibili

De_Gasperi_-_Da_Putignano_-_Didiario_2018Putignano Ba - Facendo propria questa riflessione, l’I.C. “De Gasperi - Da Putignano” ha partecipato per il sesto anno consecutivo alla Rassegna Letteraria “DIDIARIO – Suggeritori di libri” e nel periodo tra il 7 e il 13 aprile si sono tenuti gli incontri degli alunni della scuola primaria con gli autori nell’auditorium del Plesso Di Mizio, decorato a festa dai fantastici lavori di tutti gli alunni.

Il 7 aprile gli alunni delle classi terze e delle classi quarte hanno incontrato Zita Dazzi, giornalista di Repubblica e autrice del libro “La banda dei gelsomini”. Gli alunni hanno tradotto la storia letta nel linguaggio del fumetto dopo aver analizzato principalmente due aspetti: il pieno diritto al gioco  dei bambini e la conseguente necessità di spazi aperti e idonei a tale scopo; il diritto alla libertà degli animali che troppo spesso, per il piacere di alcune persone, sono costretti ad una vita “innaturale” e sacrificata.

A seguire la scrittrice ha incontrato le classi quinte che hanno letto e analizzato la storia di un piccolo clandestino:-“La valigia di Adou” (pubblicato da Il Castoro e sostenuto da Amnesty International Italia), sembra una favola, la storia di questo libro, ma come tante favole, tutto ha inizio da una storia vera, una di quelle che si leggono sui giornali, i giornali come quelli dove lavoro io…, ha dichiarato la Dazzi.

Il racconto ha coinvolto i ragazzi avvicinandoli ai temi dell’immigrazione e ha fatto comprendere loro il doloroso significato dell’esperienza del distacco dalla propria terra e dalla famiglia. Gli alunni hanno prodotto dei lavori stupendi a testimonianza di quanto questa storia li abbia coinvolti emotivamente.

Mercoledì 11 aprile le classi seconde hanno accolto con grande gioia e simpatia Giuditta Campello, giovanissima autrice del libro “Tre streghe in città”, una storia in bilico tra la magia e la tenerezza che ha raccolto largo consenso tra i giovani lettori. L’attivazione dell’amore per la lettura è possibile se riusciamo a far sentire i ragazzi partecipi e attori, parte “viva” di questo processo, pertanto

l’elemento fondamentale del successo di questo percorso è stato proprio l’incontro con l’autrice, avere l’opportunità di scambiare con la Campello i sentimenti e le sensazioni scaturiti dalla lettura del suo libro, porre domande sulla storia ma anche sulla sua vita è stato un passaggio formativo che ha emozionato gli alunni e ha lasciato in loro un segno duraturo.

Fondamentale è stato anche il ruolo preparatorio degli insegnanti, che  attraverso i vari percorsi di animazione alla lettura, di scrittura creativa e di drammatizzazione hanno suscitato  la curiosità e la fantasia dei piccoli alunni, riconoscendo, nel contempo,  il valore inestimabile dei libri che arricchiscono l’esperienza personale, stimolano  il pensiero critico,  forniscono  ai giovani lettori gli strumenti per  riflettere sulle proprie scelte.

Venerdì 13 aprile la scrittrice Daniela Palumbo ha incontrato i piccoli alunni delle classi prime, che hanno letto “La scuola dell’orto felice”,- La terra genera e custodisce la vita, noi dobbiamo averne cura e la dobbiamo trattare con amore e gentilezza - ha affermato la scrittrice, rispondendo alle domande che i piccoli lettori le hanno rivolto con ammirevole padronanza espositiva.

Positiva l’intera esperienza anche per le docenti e per la dirigente Prof.ssa Maria Anna Buttiglione che ha partecipato agli incontri lodando l’impegno degli alunni e la loro partecipazione.

Le docenti Mariella Pagliarulo e Ilaria Palmisano, referenti del progetto lettura per la Scuola Primaria, ringraziano Alina Laruccia ideatrice e anima di DIDIARIO e i colleghi che hanno aderito al Progetto, per le classi prime: Maria Antonietta Pricci, Emilia Laterza; Teresa Giuliani, Marika Rongo; per le classi seconde: Teresita Gonnella, Angela Loparco, Pina Impedovo, Maria Teresa Roscino, Margherita Guida, Milena Gallo e Gianpiero Loliva; per le  classi  terze e quarte : Annalisa Filioli Uranio, Maria Antonietta Mele, Maria Pacini, Irene Leone; per le classi quinte  le colleghe Cinzia Laterza, Betti Casulli,  a tutti un sincero ringraziamento per la sempre attiva e proficua partecipazione.