gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Festa del lettore alla 'Stefano da Putignano'
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Festa del lettore alla 'Stefano da Putignano'

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Lettori

Anche quest’anno presso l'auditorium della scuola secondaria di 1°grado Stefano da Putignano si é svolta la festa del lettore: tema del 2015 “Parole sacre”, sui temi dell'immigrazione

Festa_del__lettore_-_Scuola_S._da_PutignanoPutignano Ba - Con la supervisione della referente del "progetto lettura" prof.ssa Annalisa Ventrella, i docenti  di italiano hanno invitato gli alunni di 2ª e 3ª classe a scrivere una lettera indirizzata ad un loro coetaneo migrante, in fuga dal suo paese d’origine.

Il tema dell’immigrazione, ha dunque fatto da filo conduttore nel dialogo con i ragazzi, i quali hanno condiviso le loro idee ed emozioni, i loro pensieri e preoccupazioni, durante la mattinata di giovedì 24 settembre. Il dirigente scolastico, prof.ssa Maria Anna Buttiglione, ha introdotto l’evento, sottolineando la stringente attualità del tema prescelto che scuote le coscienze di ciascuno, leggendo i toccanti versi di Angela Nanetti:

'Un giorno un nome incominciò un viaggio. Apparteneva a una bambina, non sappiamo esattamente da dove sia partita, sappiamo però che il suo bel nome, “quella che danza con i narcisi”, lungo la strada viene derubato di molte lettere, dimezzato, umiliato, fino a scomparire insieme al futuro e ai sogni…'.

?Sono intervenuti poi gli alunni che hanno indirizzato messaggi di solidarietà ai loro coetanei in fuga, manifestando al contempo le tante difficoltà che una reale ospitalità comporterebbe. Tutti hanno compreso quanto siano fortunati a vivere una condizione di serenità nel proprio Paese, in cui vengono garantiti il diritto allo studio e al gioco. Alina Laruccia dell'omonima libreria, ha infine esortato i ragazzi, con la sua consueta passione che l’anima ogni volta che incontra i ragazzi e si parla di libri, a leggere soprattutto per se stessi, ad informarsi sempre su quanto accade intorno a noi, nel mondo, perché solo così si potrà aspirare a diventare cittadini attivi e consapevoli.