gototopgototop

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Oggi al cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Acquaviva, droga su ordinazione. Arrestati due pusher
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit

Acquaviva, droga su ordinazione. Arrestati due pusher

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Cronaca provincia di Bari

Raccoglievano le ordinazioni in Piazza e prelevavano la droga da un muretto ba secco in periferia

droga_e_denaro_sequestrato_ad_acquavivaAcquaviva delle fonti (Ba) - Era da tempo che i Carabinieri di Acquaviva delle Fonti controllavano i movimenti del 54enne sorvegliato speciale d p.s. Domenico Esposito e del 42enne Nicola Loiacono, pluripregiudicati del luogo e ieri pomeriggio sono stati arrestati con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I due erano soliti raccogliere le “ordinazioni” dei loro “clienti” nella centralissima Piazza Vittorio Emanuele e poi, portatisi nella immediata periferia del centro, prelevavano lo stupefacente nascosto in un muretto a secco, per la successiva distribuzione. Nel primo pomeriggio di ieri sono caduti nella trappola tesa dai Carabinieri che, seguendo i loro spostamenti, sono riusciti a risalire al nascondiglio e sorprenderli mentre prelevavano lo stupefacente.

Nella circostanza sono stati rinvenuti e sequestrati circa 25 grammi di “cocaina”, in parte divisi in dosi, nonché oltre 2 mila euro, in banconote di vario taglio, ritenuti provento dell’attività di spaccio. Nel corso dell’operazione inoltre, è stata sottoposta a sequestro anche l’autovettura in uso al 42enne, una Renault Clio, utilizzata dai due pusher per gli spostamenti collegati all’attività illecita. I due, vecchie conoscenze per i loro trascorsi penali – anche specifici, sono stati, su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, associati presso la locale casa circondariale.





 
Cronaca provincia Bari