gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Conferenza dei Sindaci: parere negativo sull'operato di Colasanto
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Conferenza dei Sindaci: parere negativo sull'operato di Colasanto

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Attualità

Parere negativo sui risultati di gestione del Direttore Generale. Ad esprimerlo alcuni Sindaci durante la Conferenza dei Sindaci della Asl Bari

ASL_Ba_Dir_Gen_Domenico_ColasantoPutignano Ba – Come anticipato nell’articolo di qualche giorno fa “Ospedale Putignano: Colasanto frena sulla chiusura”, si è svolta venerdì 26 e poi in aggiornamento lunedì 29 luglio, la conferenza dei Sindaci della ASL Ba, riunitasi per valutare l’operato del Direttore Generale Domenico Colasanto nei primi 18 mesi di gestione. A tal proposito pubblichiamo la comunicazione pervenutaci in merito, non dal nostro Comune di Putignano, ma da quello di Monopoli, che recita quanto di seguito:

“Durante la Conferenza dei Sindaci della Asl Ba riunitasi il 29 luglio in aggiornamento a quella tenutasi venerdì 27 scorso, alcuni Sindaci, tra cui il Sindaco di Monopoli Emilio Romani, hanno espresso parere negativo sui risultati di gestione del Direttore Generale. La Conferenza era, infatti, chiamata ad esprimersi sui risultati di gestione dei primi 18 mesi del suo mandato. Il parere negativo è stato espresso poiché sono state ritenute inadeguate le politiche sanitarie attuate dalla Regione Puglia sul territorio di competenza della Asl Ba.

Infine, è stata evidenziata l’illegittimità della nomina della Commissione di valutazione avvenuta con Delibera di Giunta Regionale n. 1036 del 04/06/2013 poiché due degli esperti scelti sono Dirigenti regionali in capo all’Assessorato proponente e uno appartiene all’ARES. Circostanza che, secondo i sindaci, determina una confusione di ruoli tra controllore e controllato. Per questo è stato proposto alla Giunta Regionale di revocare la nomina della commissione di valutazione".