gototopgototop
Caffe_Roma_475x120Ricco_banner_testata_2__475x120

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Banner
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Un anno di Vivilastrada.it
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Un anno di Vivilastrada.it

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Attualità
Oltre 20.000 studenti di ogni ordine e grado contattati dall'Associazione no profit Vivi la Strada.it. Di seguito i dati 2010 relativi agli incidenti stradali in Puglia
vivPutignano (Ba) - Possiamo ritenerci più che soddisfatti dell'aver fatto cultura per la sicurezza stradale nell'anno scolastico 2010-2011 (in nove mesi). Un grande Grazie a tutti i collaboratori, alle testate Giornalistiche, ai Comandi di Polizia Locale, Polizia Stradale, Arma dei  Carabinieri, Vigili del Fuoco118, Guardia di Finanza, Medici-Psicologi, Giudici di Pace, Infermieri, Medici Legali, Associazioni di Protezione Civile, ai Testimoni di sinistri stradali, ai Familiari Vittime della Strada e tutti coloro che hanno contribuito alle buona riuscita delle lezioni.

Dati Statistici incidenti stradali in Puglia anno 2010
In calo gli incidenti stradali in Puglia. Nel 2010 sono stati 12.186 e hanno causato 291 vittime ed 20.813 feriti.
Rispetto al 2009 si tratta di una diminuzione nel numero degli incidenti (-4,9%), nel numero dei feriti (-2,5%) e nel numero dei decessi (-3,3%) che rispetto al 2005 sono stati ben il 32% in meno. E' quanto emerge dal "III Rapporto sulla sicurezza stradale in Puglia".
"Il Centro Regionale di Governo e Monitoraggio sulla Sicurezza Stradale, monitora quotidianamente i dati sull'incidentalità stradale e attraverso un rapporto semestrale siamo in grado di leggere l'evoluzione del fenomeno. Soltanto una conoscenza di dettaglio ci permette di mettere a fuoco i problemi e può offrire la possibilità a enti locali e forze di polizia di effettuare interventi mirati per la messa in sicurezza e il controllo nelle strade dove i rischi sono più rilevanti".

Nel rapporto è, infatti, contenuta l'indicazione delle strade più pericolose. La statale 16, che attraversa tutta la regione, con 450 incidenti, 24 decessi e 905 feriti si conferma la prima. A seguire nella provincia di Foggia le strade più rilevanti sono la SS.89 che ha contato 41 incidenti, 7 decessi e 80 feriti, la SS 673 (17 incidenti, 4 morti e 49 feriti) e la A14 che ha contato 30 incidenti, 2 decessi e 47 feriti. Nella provincia di Bari e Bat assume rilievo la Sp 231con 76 incidenti, 8 morti e 130 feriti. Incidenti con esiti gravi se ne contano anche nella Sp238 in provincia di Bari, nel tratto autostradale A14 di Bat e Bari, nella SS.7 nel tratto tarantino e nella SS.613 Salentina (da Brindisi a Lecce).

Ma chi sono i conducenti a rischio? La composizione per età del 2010 confrontata col corrispondente dato del 2009 evidenzia una tendenza all'invecchiamento e un maggiore rischio dei giovani fino a 30 anni. "Segnali di preoccupazione arrivano dai giovani maschi che hanno una guida più spericolata e dagli anziani che hanno una flessione dell'attenzione.  E' un fenomeno che non è concentrato esclusivamente il sabato sera e che non si può combattere solo dal punto di vista repressivo. E' un problema culturale. Con il volante in mano i giovani pensano di realizzare una sorta di completamento della propria personalità. Occorre invece distruggere il mito dell'automobile e costruire elementi di attrattività per il trasporto pubblico".

 




 

Aggiungi un commento

  Si consiglia di non inserire dati personali negli spazi riservati ai commenti (es. indirizzi, numeri cell. ecc.)
Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento: