gototopgototop
Caffe_Roma_475x120Ricco_banner_testata_2__475x120

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Banner
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
PON Vivilastrada.it: gli studenti ringraziano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

PON Vivilastrada.it: gli studenti ringraziano

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Attualità
Putignano (Ba) - Con queste ultime 4 ore si è concluso lo stage di teoria, presso il Conservatorio "Santa Maria degli Angeli" di ponmolfettaincontroprofessionisti1Putignano, i corsisti del progetto PON: Le(g)ali al sud: un progetto per la legalità in ogni scuola” dell’istituto ITIS “Ferraris” di Molfetta hanno potuto seguire con gran interesse alcuni professionisti che collaborano con l’associazione “Vivi La Strada .it” per la Cultura della Sicurezza Stradale.

Vivilastrada_Longano_e_Console Vivilastrada_dott_M.T.Angelillo_ Vivilastrada__avv_T.Gigantesco Vivilastrada_dott_A_Pizzolato_ Vivilastrada_infermiere_Giuseppe_Marzullo__copy
Il primo a prendere parola è stato l’infermiere professionale e istruttore del I.R.C. operante nel Pronto Soccorso di Putignano “Santa Maria degli Angeli”, Giuseppe Marzullo, che con slide e immagini ha fatto vedere e introdotto ai presenti le varie manovre di primo intervento che si effettuano al paziente traumatizzato da sinistro stradale non appena viene “sbarellato” dal personale del 118 e ricoverato. Marzullo ha sottolineato che l’attività dell’infermiere a volte viene sottovalutata, invece chi ama questo lavoro fa di tutto per salvare vite umane. E’ importante incoraggiare il paziente, se è vigile, a non mollare e se la “squadra” di medici infermieri e rianimatori è affiatata mentre si lavora ci si consulta e si combatte per non fare morire chi involontariamente arriva su quel lettino del pronto soccorso. Tante volte, ha continuato Marzullo, confortiamo i parenti che sono dietro le porte che sperano che il loro caro si possa salvare, quando qualche volta non ci riusciamo tutti siamo rammaricati e dispiaciuti tanto da accompagnare chi non ce l’ha fatta segnandolo con un segno di croce sulla fronte. Fare dei corsi di specializzazione per noi è importantissimo per migliorare quanto più possibile la nostra professionalità

Subito dopo è intervenuto il Medico Legale Dott. Angelo Pizzolato che con immagini, scelte per non traumatizzare la psiche dei ragazzi, ha spiegato come viene effettuata un autopsia su cadavere di una vittima di incidente stradale. La norma vuole che egli venga chiamato sul luogo del sinistro, che gli indumenti sono parti importanti che racchiudono tante prove. Pizzolato ha usato con gli studenti un metodo di linguaggio molto comprensivo, Inoltre ha evidenziato l’importanza di essere molto precisi nel fare prelievi e rilevare tamponi per meglio riuscire a capire le causa della morte dell’incidentato: come l’uso di sostanza stupefacenti o l’assunzione di alcool. Il medico legale ha una valenza importante il suo rapporto depositato sul tavolo del Giudice porta in fine alla sentenza.

La Dott.ssa Avv. Tiziana Gigantesco, nonché Giudice di Pace dei comuni di Noci, Locorotondo, Alberobello e Putignano, ha proseguito con il suo intervento spiegando agli studenti il ruolo del Giudice di Pace e tutte le sue mansioni, che sono tantissime, Importanti sono stati i passaggi fatti inerenti alle norme vigenti sul Codice della Strada e su quali sanzioni si applicano nei confronti di chi non rispetta le leggi e gli eventuali ricorsi effettuati dagli stessi.

A concludere l’incontro la Dott.ssa Maria Teresa Angelillo, neuropsicologa e vice presidente della Onlus “Uniti per i Risvegli”, si interessa del risveglio dal coma. Attraverso la proiezione d’immagini ha ben chiarito e spiegato la differenza tra coma e coma vegetativo e tutte le conseguenze che derivano da esso. In Puglia sono tanti i giovani che sono allettati in coma vegetativo e spesso sono i genitori, i fratelli e gli amici a far si che questi pazienti riprendono pian piano i movimenti motori e di apprendimento, dopo il risveglio si ricomincia tutto da capo, il paziente va imboccato, va capito con de semplici gesti come muovere gli occhi per di un si oppure un no solo l’amore familiare avvolte riesce a far uscire qua quel tunnel quel paziente. Inoltre ha indicato tutte le possibili cause che possono causare il Coma l’abuso di alcool e la somministrazione di stupefacenti mettendosi alla guida andandosi schiantandosi contro un muro, un albero o contro un’altra autovettura, ed è la fine.

Molte sono state le domande rivolte a tutti i professionisti che entusiasti del gran interessamento dei ragazzi hanno proposto loro di poter fare altre lezioni educative di questo genere per poter meglio capire e approfondire questo grande tema odierno.

A coordinare ed organizzare il tutto il responsabile delle Pubbliche Relazioni di “Vivi La Strada .it” Tonio Coladonato che, con gran dimestichezza, è riuscito a stimolare tutti ad ascoltare questi interventi educativi molto utili al fine di infondere una maggior Cultura sulla Sicurezza Stradale e di rispetto della propria vita.

A tutti i relatori sono stati consegnati attestati di gratitudine per aver messo a disposizione la propria figura professionale rinunciando ai numerosi impegni lavorativi e personali.

Il Presidente Piero Longano ringrazia per l’ospitalità il Dott. Console Pietro per aver messo a disposizione la saletta del Conservatorio, “Pane & Co.” per aver offerto all’intero gruppo di stagisti i prodotti tipici (Tarallini, Grissini, intorchiate, biscotti al burro) e “Bar Filù” per (le bevande e the) la Vice Presidente di “Vivi La Strada .it” Anna Totaro per aver fatto un reportage fotografico dell’evento, Lino Marinelli il tecnico, Katia Ramirra per la segreteria.

Prossimo Appuntamento Martedì 19.4.2011 presso il Comando Provinciale dell'Arma dei CARABINIERI di Bari nella sezione Centrale Operativa e dei S.I.S.





 

Aggiungi un commento

  Si consiglia di non inserire dati personali negli spazi riservati ai commenti (es. indirizzi, numeri cell. ecc.)
Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento: