gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Banner
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Prorogati i termini per l'assegnazione dei Bonus alle famiglie numerose
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Prorogati i termini per l'assegnazione dei Bonus alle famiglie numerose

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Attualità

Assegnazione di bonus in favore delle famiglie numerose: le istanze devono pervenire all’Ufficio Protocollo del Comune di residenza entro il 20 febbraio 2011. Di seguito il bando integrale logo-piccolo-comune

L'Ambito territoriale di Putignano RENDE NOTO che con Deliberazione del Coordinamento Istituzionale n. 23 del 27/12/2010 e Determinazione Dirigenziale 1^ Ripartizione – Settore Servizi Sociali n. 47 del 26 Gennaio 2011, sono stati riaperti i termini di scadenza per la presentazione delle domande da parte di Famiglie con quattro o più figli conviventi minori a carico, compresi i minori in affido. Le istanze devono pervenire all’Ufficio Protocollo del Comune di residenza entro il 20 febbraio 2011.

Il presente Avviso ed il modulo della domanda sono reperibili sui siti internet dei Comuni di Putignano, Alberobello, Castellana Grotte, Locorotondo e Noci. Informazioni sullo stesso Avviso possono essere richieste agli Uffici Servizi Sociali del Comune di residenza.

AVVISO PUBBLICO

Assegnazione di bonus in favore delle famiglie numerose

 

L'Ambito territoriale di Putignano RENDE NOTO che con Deliberazione del Coordinamento Istituzionale n. 9 del 24 novembre 2009, ha approvato un Progetto “FAMIGLIE CORAGGIOSE” nell’ambito del programma “Interventi per le famiglie numerose” con numero di figli conviventi minori a carico, pari o superiore a quattro, compresi i minori in affido, finanziato dalla Regione Puglia per € 106.718,00, integrato da risorse dei Comuni nella misura di € 26.679,50.

PRINCIPALI OBIETTIVI DEL PROGRAMMA

  • Individuare interventi che aiutino a puntare su principi nuovi di equità sociale, partendo dalla specificità della condizione delle famiglie numerose;
  • offrire un contributo al sostegno delle famiglie dell’Ambito maggiormente esposte ai rischi e alle difficoltà dell’attuale crisi economica, che investe la realtà italiana e quella locale;
  • migliorare la qualità della vita e del benessere di tale tipologia di famiglia;
  • contrastare l’esclusione sociale e le nuove forme di povertà, evitando ogni forma di emarginazione;
  • promuovere iniziative sperimentali di riduzione degli oneri sostenuti delle famiglie con quattro o più figli compresi i minori in affido.

AZIONI PREVISTE

Azione  a) Assegnazione di bonus per spese sostenute, documentate e/o autocertificate, per complessivi € 100.048,13 pari al 75% delle risorse disponibili, relative a:

§          acquisto buoni pasto refezione scolastica di scuola dell’infanzia,  scuola primaria, scuola secondaria  di primo grado per l’anno scolastico 2009-2010;

§          rette per frequenza asili nido comunali o autorizzati, per l’anno scolastico 2009-2010;

§          spese per trasporto scolastico di competenza comunale per l’anno scolastico 2009-2010;

§          spese  per pagamento  TARSU, relativa all’anno 2009.

Azione b) Assegnazione di bonus per  spese sostenute, documentate e/o autocertificate, per complessivi € 33.349,37 pari al 25% delle risorse disponibili, relative a:

§          spese  per l’uso dei trasporti pubblici;

§          bonus per servizi attività formative e culturali extrascolastiche (campi scuola, vacanze studio, accesso a musei, teatri, cinema, attività sportive, attività ludico-motorie, ecc.)  2009 - 2010;

DESTINATARI

Nuclei familiari di cui agli articoli 22 e 27 della Legge Regionale 19/2006, anche monogenitoriali, con numero di figli conviventi minori, pari o superiore a quattro - compresi eventuali minori in affidamento familiare, in affido preadottivo - composti da cittadini italiani o di uno stato appartenente alla Unione Europea, oppure, per i cittadini extracomunitari, in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno) o di un permesso di soggiorno di durata non inferiore ad un anno, residenti in Puglia da almeno sei mesi.

Al fine dell’ammissibilità al beneficio delle famiglie richiedenti, i figli minori non devono aver compiuto  il 18° anno di età alla data del 29/09/2009, giorno di pubblicazione sul BURP n. 151 della Delibera di Giunta Regionale n. 1658 del 15/09/2009 e alla data di scadenza del presente bando.

Potranno essere ammessi ai benefici previsti dal Programma dell’Ambito solo i nuclei familiari che attestino una situazione economica il cui ISEE relativo all’anno d’imposta 2009 non  superiore a € 20.000,00.

 

IMPORTO DEI BONUS

L’importo del contributo complessivo, per un massimo di € 2.000,00 sarà differenziato a seconda dell’ISEE relativa all’anno d’imposta 2009 e del numero dei figli conviventi di età inferiore di anni 18 alla data del 29/09/2009 e alla data del presente bando così come definito nella seguente tabella:

 

Valore ISEE

N. di figli

Bonus

da 0 a € 7.500,00

4 figli minori

€ 1.700,00

5 figli minori o più

€ 2.000,00

da 7.500,01 a 10.000,00

4 figli minori

€1.300,00

5 figli minori o più

€ 1.700,00

da 10.000,01 a 15.000,00

4 figli minori

€ 1.000,00

5 figli minori o più

€ 1.500.00

Da 15.000,01 a 20.000,00

4 figli minori

€ 500,00

5 figli minori o più

€ 800,00

 

DOMANDE

I cittadini esercenti la potestà genitoriale sui figli minori, in possesso dei requisiti richiesti dal presente bando, dovranno presentare agli Uffici Protocollo dei Comuni di residenza entro il 15 dicembre 2010, trentesimo giorno dalla pubblicazione del Bando all’Albo Pretorio del Comune  di Putignano, capofila, apposita domanda redatta sul modulo predisposto dall’Ufficio di Piano, resa ai sensi ai sensi del D.P.R. n. 445/2000.

Alla domanda dovranno essere allegati:

  • fotocopia di un documento d’identità in corso di validità (contenente la firma e la foto riconoscibile);
  • per gli stranieri extra-comunitari il permesso di soggiorno Ce per soggiornati di lungo periodo (ex carta di soggiorno) o permesso di soggiorno di durata non inferiore ad un anno, residenti in Puglia da almeno sei mesi.
  • certificazione I.S.E.E.  relativa al periodo d’imposta 2009 ;
  • copia della documentazione delle spese sostenute (fatture, ricevute, biglietti, ecc.) o attestati dai quali si evince la spesa sostenuta per gli interventi previsti dal presente Bando;

È facoltà dell’Ufficio di Piano richiedere eventuale documentazione integrativa.

GRADUATORIE

La graduatoria d’Ambito sarà resa pubblica presso gli Albi Pretori dei cinque Comuni, i rispettivi Uffici Servizi Sociali e sui Siti Internet istituzionali.

Nella definizione della graduatoria si applicherà il criterio del numero dei figli minori conviventi, dando priorità al numero di figli minori più elevato e, in secondo luogo, del valore I.S.E.E. 2009, dando priorità a quello più basso.

Qualora le risorse risultino insufficienti a garantire l’erogazione ai cittadini aventi diritto, si darà priorità ai nuclei con numero maggiore di figli minori conviventi e, in secondo luogo, con minore valore I.S.E.E. 2009.

CONTROLLI

L’Ufficio di Piano si riserva la facoltà di effettuare controlli volti alla verifica dei requisiti richiesti e delle spese effettivamente sostenute dai richiedenti. Nel caso in cui sia accertata, a seguito dei suddetti controlli, l’inesistenza o la cessazione delle condizioni che hanno comportato il beneficio, l’Ufficio di Piano provvede alla sua revoca, al recupero delle somme indebitamente erogate ed eventualmente, ove se ne ravvisino gli estremi, alla segnalazione all’Autorità Giudiziaria.

INFORMAZIONI SULL’AVVISO

Il presente avviso ed il modulo della domanda sono reperibili sui siti internet dei Comuni di Putignano Alberobello, Castellana Grotte, Locorotondo e Noci.

Informazioni sullo stesso Avviso possono essere richieste agli Uffici Servizi Sociali del Comune di residenza.