gototopgototop
Caffe_Roma_475x120Ricco_banner_testata_2__475x120

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Banner
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Esclusivo: Putignano protagonista di uno Studio del IRCCS De Bellis di Castellana G.
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Esclusivo: Putignano protagonista di uno Studio del IRCCS De Bellis di Castellana G.

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Attualità

IRCCS_De_Bellis_Circa 2300 Putignanesi hanno partecipato al progetto “Nutriep”, uno studio sulla frequenza della malattie epatiche in Puglia, realizzato in collaborazione con i medici di famiglia



Prelievo sangueLo studio ha rilevato che su 2301 soggetti esaminati, il 50% è risultato in soprappeso di cui il 16% obesi. Il 59% maschi e 42% donne. Di questi, il 20,5% con meno di 30 anni; il 76% tra i 70 e 79 anni. Sono dunque risultati prevalentemente in soprappeso i soggetti più anziani.Pare infatti che dopo i 30 anni si cresca un grammo al giorno in assenza di attività fisica.

Altro dato emerso dallo studio e strettamente collegato ai precedenti, quello che ha evidenziato che il 24% dei soggetti in soprappeso presentava un fegato steatosico (fegato grasso), un dato assimilabile a quello relativo alla percentuale di obesi.

Rilevatore_misure_antropometricheIl progetto si chiama Nutriep. La finalità è quella di studiare la frequenza o prevalenza delle malattie epatiche in Puglia, come ci ha spiegato il Dott.Alberto Osella, partecipante allora alla ricerca insieme alla Dott.ssa Catia Bonfiglio per il Laboratorio di Epidemiologia e ai Dottori Elba,  Buongiorno e Petruzzi per la Gastroenterologia I.

Putignano è stato scelto perché ritenuto rappresentativo della popolazione media della Puglia. Non è né troppo e né poco industrializzato; né prevalentemente rurale e neanche urbano, con una densità di popolazione ideale rispetto all’estensione geografica. Il progetto si rivolto a persone dai 18 anni in su fu progettato nel 2004 e fatto partire il 5 luglio del 2005, data in cui fu arruolato il primo volontario. Nato sotto la direzione del Dott. Manghisi allora primario della medicina di gastro-enterologia attualmente in pensione, ha precisato il Dott. Osella, la ricerca è stata condotta in stretta collaborazione con il laboratorio di epidemiologia, trattandosi di uno studio sulla popolazione. I soggetti sono stati scelti tramite le liste elettorali del Comune di Putignano e campionati all’interno dell’elenco dei pazienti assegnati a ogni medico di famiglia che è stato così coinvolto nel progetto.

Complessivamente hanno partecipato 2301 pazienti tutti residenti a Putignano.


10analisi-laboratorioSono stati utilizzati: un questionario per ricavare dati clinici, malattie pregresse, abitudini e stile di vita dei pazienti, precedenti chirurgici e anamnesi generale anche con domande riferite alla vita sessuale e all’uso di droghe: un ulteriore questionario EPIC (standard europeo) sulle abitudini alimentari; un prelievo ematico con marcatori tumorali; misurazioni antropometriche. L’efficientissimo staff del laboratorio di epidemiologia effettuava tutto in una sola mattinata al ritmo di 20 pazienti al giorno. La settimana successiva i volontari ottenevano i referti che venivano inviati contestualmente ai medici di famiglia. Se c’erano riscontri particolarmente importanti il medico di famiglia provvedeva ad indirizzare i propri assistiti a chi di competenza. Un parte dei dati emersi sono stati già pubblicati su una importante rivista di gastro-enterologia. Questa fase è stata sviluppata tra il 5 luglio del 2005 e 26 gennaio del 2007.



 

L’analisi statistica di altri dati è ancora in corso. Tuttavia un primo articolo scientifico è stato pubblicato sull’Amrrican Journal of Gastroenterology. Il Dott. Alberto Osella a nome dell’IRCCS De Bellis di Castellana G., nonché a nome dell’intero staff del laboratorio di epidemiologia e biostatistica e Gastroenterologia I impegnato nel progetto Nutriep, ringrazia i medici di famiglia di Putignano che hanno collaborato a questo importante Studio sulla popolazione nonché tutto il personale tecnico.

 

In sintesi lo studio ha evidenziato che su 2301 soggetti esaminati:

-         il 50% è risultato in soprappeso di cui il 16% obesi;

-         il 59% maschi e il 42% donne;

-         il 20,5% con meno di 30 anni il 76% tra i 70 e 79 anni;

-         Dopo i 30 anni si cresce un grammo al giorno in assenza di attività fisica.

-         Il 24% con fegato steatosico (di pari passo con il dato relativo all’obesità)

-         2,6% positive al virus epatite C;

-         0,5% virus epatite B;

-         12% anticorpi contro il virus epatite B.






 
1 Commenti
 
come si partecipa?
1 Domenica 12 Settembre 2010 09:48
M.V. Salutista
come mani nessuna sapeva nulla di questa cosa?E' interessante ma come si fa a partecipare???
risposta
Martedì 14 Settembre 2010 11:51
La Redazione
Come si lege nell'articolo, il progetto è cominciato alcni anni orsono e i volontari sono stati individuati per il tramite delle liste dei medici di famiglia.

Aggiungi un commento

  Si consiglia di non inserire dati personali negli spazi riservati ai commenti (es. indirizzi, numeri cell. ecc.)
Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento: