gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_II_Compleanno_-_720x300
Play_II_Compleanno_Red_-_720x300
Banner
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Putignano – Traffico e auto che corrono troppo: l’appello di una mamma
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Putignano – Traffico e auto che corrono troppo: l’appello di una mamma

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Attualità

Il caso delle due sorelline investite in via N. Bonaparte qualche giorno fa mentre si recavano a scuola, ha riaperto la questione traffico e sicurezza sulle strade di Putignano

PuVia_N._Bonaparte_-_Putignanotignano Ba – Via Napoleone Bonaparte e Via Murat, costituiscono una sorta di bretella stradale cittadina utilizzata come una circonvallazione da una cospicua quantità i mezzi pesanti e veicoli in transito, che la percorrono, com'è noto a velocità sostenuta.  Su quella strada passano i veicoli provenienti dal traffico extraurbano, diretti verso i comuni vicini.

Si tratta pur tuttavia di una zona residenziale ad alta densità abitativa ove insistono anche numerose attività commerciali, che comportano la presenza di numerosi pedoni esposti costantemente al pericolo di essere travolti.

Riceviamo e pubblichiamo a tal proposito, l’appello della mamma delle due bambine, investite giovedì scorso sotto casa mentre si recavano a scuola, per fortuna senza gravi conseguenze.

‘Vorrei segnalare un fatto grave successo a Putignano. Giovedì mattina alle ore 7:15 ho ricevuto una telefonata con la quale mi si avvertiva che le mie due figlie erano state investite all'angolo di casa mia, da un auto che sfrecciava ad alta velocità. Come del resto fanno gli automobilisti e camionisti che hanno scambiato Via Napoleone Bonaparte per una statale. Si tratta invece si una zona urbana periferica, purtroppo trascurata dalle amministrazioni di competenza. Nove anni fa infatti, anche mio figlio più grande e stato investito nello stesso angolo di strada. Mi risulta che anche altre persone hanno subito simili incidenti, pertanto mi chiedo: perché a nessuno interessa tutto ciò?. Vorrei che venga data notizia di tali fatti prima che qualcuno paghi ingiustamente con la vita. Nella speranza che qualcuno faccia qualcosa per garantire maggiore sicurezza a chi vive in questa strada.’.

La presenza di una segnaletica adeguata, limitatori di velocità e di attraversamenti pedonali più visibili potrebbe essere un primo passo. Ora la palla, per gli interventi del caso passa alla locale amministrazione.





 
1 Commenti
 
Solidarietà agli utenti deboli della strada
1 Martedì 15 Novembre 2016 11:39
Lorenzo Luisi
Come privato cittadino e come rappresentante dell'ass. Amici dei Diversabili ho messo più volte in evidenza la pericolosità di svariati punti nella periferia e nel pieno del centro cittadino.
Venerdì scorso una signora è stata investita (sulle strisce) nei pressi di S. Filippo con conseguenze importanti a livello di spina dorsale. Il problema ineludibile è che tutti gli utenti della strada stanno invecchiando con conseguenze a livello di attenzione, riflessi e agilità.
Negli incontri avuti con le Amministrazioni Pubbliche tra l'altro abbiamo proposto, finora inascoltati, degli accorgimenti come la limitazione della velocità a 30 km/h e la trasformazione di tutti le intersezioni (tante sono prive di strisce pedonali) a diritto di precedenza per gli utenti deboli della strada.
Oggi con lo street control si potrebbe almeno sanzionare gli automobilisti che parcheggiano sulle strisce pedonali o sui marciapiedi che di fatto obbligano i pedoni a camminare sulla strada con gli enormi pericoli conseguenti.
Termino con una osservazione per gli automobilisti frettolosi: Considerate l'ipotesi di essere voi a piedi e trovarvi a competere con un guidatore precipitoso.

Aggiungi un commento

  Si consiglia di non inserire dati personali negli spazi riservati ai commenti (es. indirizzi, numeri cell. ecc.)
Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento: