gototopgototop

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Banner
Farmacie di turno
sabato 26 maggio 2018
Farmacia Comunale
piazza Padre Pio
Tel. 080.4911513
Reddito di dignità. Incontro con Lacarra a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Reddito di dignità. Incontro con Lacarra a Putignano

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Utilità

Incontro informativo mercoledì 03 febbraio 2016 alle 19.00 presso il Partito Democratico di Putignano

PuPD_logotignano Ba - Che cos'è il reddito di dignità? La Giunta regionale della Puglia ha approvato il disegno di legge sul Reddito di dignità “ReD”, il progetto che consentirà ai nuclei familiari pugliesi che si trovano sotto la soglia di povertà di recuperare un minimo di capacità di spesa e ottenere formazione professionale, reinserimento lavorativo e ruolo all’interno della comunità.



La misura prevede fino a un massimo di 600 euro al mese, per 20mila famiglie, corrispondenti a circa 60mila pugliesi, ogni anno. Nell’arco di 5 anni si stima di poter raggiungere la totalità della popolazione pugliese che oggi si trova sotto la soglia di povertà. Accedono, inoltre, i  cittadini comunitari ovvero cittadini stranieri in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo.

Mercoledì 03 febbraio 2016 alle 19.00 presso il Partito Democratico di Putignano, in Estramurale a Mezzogiorno n. 40, il Consigliere Regionale Marco Lacarra ed il segretario del Pd di Putignano Nicola Di Masi spiegheranno la nuova misura regionale prevista per le famiglie pugliesi, reddito di dignità! Vi aspettiamo!

Reddito di dignità: come funziona e chi potrà presentare domanda

I BENEFICIARI - Possono accedere al Reddito di Dignità regionale tutte le persone e le famiglie residenti in Puglia da almeno dodici mesi alla data di presentazione della istanza, che si trovino in una condizione di fragilità socioeconomica. Accedono, inoltre, i  cittadini comunitari ovvero cittadini stranieri in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo. I beneficiari sono individuati sulla base dell'analisi di una serie di requisiti, come la situazione reddituale e patrimoniale della famiglia, alla presenza di figli minori, la durata del periodo di assenza di occupazione o di esclusione dal mercato del lavoro e la condizione abitativa. La situazione reddituale e patrimoniale ha come riferimento l’ ISEE, e viene stabilita una soglia pari ad euro 3.000 di ISEE. 

L'IMPORTO - L'importo riconosciuto a titolo di Reddito di Dignità regionale viene determinato in base a diversi fattori, come reddito disponibile e situazione patrimoniale del richiedente e del suo nucleo familiare, composizione del nucleo familiare, condizione abitativa. In prima applicazione l’ammontare mensile del Reddito di Dignità regionale non potrà superare l’importo di 600 euro erogabile per un nucleo familiare con 5 componenti, limite massimo che è rimodulato per le famiglie di diversa composizione applicando la scala di equivalenza ISEE. 

LA DURATA DEL RED - La durata massima dell’intervento per ciascun richiedente e beneficiario del contributo monetario è di 12 mesi, ferma restando la possibilità di rientro nel percorso di inclusione sociolavorativa e di sostegno al reddito dopo un periodo di sospensione dall’ultimo beneficio percepito.

COME PRESENTARE DOMANDA - La domanda di accesso alla misura deve essere presentata dai richiedenti, tramite una piattaforma unica regionale, al Servizio sociale dei Comuni territorialmente competenti, mediante apposito modello contenente dichiarazioni sostitutive di certificazioni e dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorietà, di cui agli articoli 46 e 47 del DPR n. 445/2000 attestanti il possesso dei requisiti previsti per l'accesso alla misura, e tramite apposita piattaforma telematica.

GLI OBBLIGHI PER IL BENEFICIARIO - Il beneficiario del Reddito di Dignità regionale è obbligato alla sottoscrizione di un patto individuale, che comporta l'adesione a uno specifico percorso di tirocinio per l’inserimento sociolavorativo per la propria attivazione. Il beneficiario della misura ha l'obbligo di comunicare tempestivamente al Servizio sociale del Comune dove ha presentato domanda ogni variazione migliorativa della situazione economica del nucleo familiare, nonché ogni modifica nella propria posizione lavorativa.