gototopgototop

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Oggi al cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Acquaviva - Baby rapinatori in tabaccheria
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit

Acquaviva - Baby rapinatori in tabaccheria

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
Cronaca provincia di Bari

Nei guai un un minore e un 19enne che hanno minacciato il titolare con la pistola per farsi consegnare soldi e cellulare

ACC_Acquaviva_rapina_tabacchicquaviva delle Fonti Ba - Cappellino e sciarpa sul volto e una pistola in pugno, hanno fatto irruzione in una tabaccheria in piazza dei Martiri, ad Acquaviva delle Fonti, dove, dopo aver minacciato la titolare, si sono fatti consegnare il denaro contenuto in cassa e il suo cellulare, per poi dileguarsi a piedi per le vie circostanti.

Dovranno difendersi dalle accuse di rapina aggravata e resistenza a pubblico ufficiale, un 19enne e un 16enne di Cassano delle Murge, già noti alle forze dell’ordine, arrestati ieri sera dai Carabinieri di Acquaviva delle Fonti.

Il tempestivo allarme lanciato attraverso il numero di pubblica emergenza “112”, nonché la descrizione fisica dei giovani rapinatori resa da alcuni testimoni,  ha permesso ai militari di rintracciare i due mentre percorrevano a piedi la circonvallazione della città. Ciononostante, alla vista degli operanti, hanno dapprima tentato la fuga e poi, prima di essere definitivamente bloccati, opposto viva resistenza.

Sottoposti a perquisizione, sono stati trovati in possesso di una pistola semiautomatica, poi rivelatasi una fedele riproduzione di quelle utilizzate dalle forze dell’ordine, priva del tappo rosso, nonché dell’intero bottino,  pari ad oltre 500 euro in banconote e al telefonino sottratto alla vittima, il tutto poi restituito al legittimo proprietario.

A casa del 19enne, inoltre, i carabinieri hanno rinvenuto 7 grammi di marijuana e del materiale utile al confezionamento delle dosi, il tutto nascosto all’interno dell’armadio, motivo per il quale dovrà rispondere anche di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Tratti in arresto, i due, su disposizioni impartite dalla Procura della Repubblica ordinaria e dalla Procura della Repubblica per i Minorenni di Bari, sono stati associati, il maggiorenne presso il carcere locale e il minore presso il centro di prima accoglienza Fornelli.





 
Cronaca provincia Bari