Doppio appuntamento con l’educazione stradale per vivilastrada: sabato 20 aprile la terza lezione dedicata agli alunni dell'istituto comprensivo “Tauro – Viterbo” di Castellana Grotte; lunedì 22 genitori degli alunni della San Giovanni Bosco - F. Netti di Santeramo in Colle.

 

Vivilastrada_Viterbo_Taurovivilastrada__santeramo_in_colle_simulazioniCastellana Grotte Ba - A Castellana i bambini delle elementari si sono divertiti tanto con Tonio Coladonato, relatore per l'associazione  "Vivi la Strada .it", guidato dal presidente Piero Longano per le proiezioni di immagini e filmati.

L’obiettivo della lezione odierna è stato la conoscenza del casco da bicicletta. Non tutti i bambini hanno la bicicletta, però proprio da loro sono partite le domande a raffica, chiedendo perché dovevano utilizzare il casco e perché gli adulti non lo indossano, quanto costasse, ecc. I più piccoli chiedono perché quando si compra la bicicletta il negoziante non lo regali e se il vigile, che dovesse trovarli senza casco, fa la multa.

A tutto questo Tonio Coladonato ha dato una giusta risposta facendo capire l'importanza del copricapo protettivo per la testa. Ma sempre, per prima cosa, bisogna rispettare le regole e la propria vita, la segnaletica verticale (quella sui pali) e quella orizzontale (quella segnata sulla strada), non si ciclo pedala sui marciapiedi, non si va controsenso, se ci sono le piste ciclabili bisogna utilizzare quelle per la propria sicurezza, non si cammina a centro strada ma se si è in gruppo si circola in fila indiana, si da la precedenza, non sono ammesse gare, non si impenna e quando si svolta bisogna segnalarlo, chi va in bici di sera deve indossare il giubbino con fasce catarifrangenti, luci e campanello sul manubrio.

La prossima lezione è prevista nei primi quindici giorni di maggio.

Santeramo in Colle Ba - Quella di Santeramo è stata una lezione mirata ad informare i genitori degli alunni della San Giovanni Bosco - F. Netti, raccolti nell'auditorium dell'istituto.  L'evento è stata patrocinato dal Comune e dal comando di Polizia Municipale di Santeramo in Colle, presenti I Carabinieri della Compagnia di Altamura e della Locale stazione, Vigili del Fuoco di Altamura, il 118 di Bari, Gioia Soccorso, la Croce Rossa, le Ass.ni PAMS, ARM , la Protezione Civile del Comune di Santeramo in Colle e alcuni titolari di scuole guide.

Lo slogan era: "Meglio Sapere" con spot, filmati e slide i genitori sono stati messi al corrente di quali rischi i loro figli corrono ogni giorno. Una forte tensione emotiva si è percepita quando Tonio Coladonato ha dato inizio al momento culturale d'attenzione, qualcuno alla fine ha detto: "NON SAPEVAMO" a cosa vanno incontro i nostri figli, GRAZIE per tutto quello che fate nell'ambito dell'educazione stradale, serviva anche a noi!

Casco, Alcol e droga, cosa fare? I carabinieri della Compagnia di Altamura e di Santeramo hanno dato dei consigli utili ai genitori, invitandoli a chiamare in caserma e informare se si scorge un comportamento illecito da parte dei propri figli. La Signora Francesca della centrale di Bari del 118 ha invitato a seguire il crescere dei figli a controllare se bevono, se hanno degli strani comportamenti e affrontare i problemi che avvolte affliggono i ragazzi senza invadere la loro privacy.

L'associazione di volontariato Gioia Soccorso ha simulato un salvataggio di un centauro dimostrando come s'interviene e quali sono le tecniche per poter salvare vite umane. La segretaria di Vivi la Strada .it Katia Ramirra per conto del Presidente Piero Longano ha consegnato gli attestati a chi ha espresso la propria relazione sull'argomento. Il prossimo appuntamento sarà il 13 Maggio 2013  a Santeramo in colle con gli studenti della San G. Bosco - F.Netti  a conclusione del progetto: "A Scuola in ...Sicurezza"

 
Condividi