I Carabinieri della Stazione di Acquaviva delle Fonti hanno arrestato un 40enne incensurato del luogo con l’accusa di detenzione abusivo di armi e munizioni

CC_Acquaviva_sequestro_armiAcquaviva delle fonti Ba - I militari, nel corso di un intervento effettuato presso un’abitazione del luogo per una lite in atto tra due coniugi,  sedati gli animi, hanno deciso di eseguire una perquisizione personale e domiciliare per accertare eventuali irregolarità nella detenzione di armi, essendo l’uomo titolare di una licenza di porto di fucile per uso tiro a volo.


Nella circostanza, gli operanti hanno trovato una pistola semiautomatica “Beretta” cal. 7.65 con 10 colpi nel serbatoio, illegalmente portata dall’uomo perché, all’arrivo della pattuglia, si trovava lo stesso si trovava fuori dall’abitazione.

Nascosti all’interno del cassonetto dell’avvolgibile della camera da letto, rinchiusi in una scatola, i militari hanno invece trovato una pistola a salve, calibro 8 modificata per essere idonea al fuoco con 7 cartucce calibro 6,3, un passamontagna, dei guanti in lattice ed un coltello da cucina, il tutto sottoposto a sequestro.

Al termine dei controlli, infine, i militari hanno sequestrato a scopo cautelativo anche 4 spade giapponesi modello “katana” e 417 munizioni di vario calibro, regolarmente denunciate. Tratto in arresto l’uomo, come disposto dalla Procura della Repubblica di Bari, è stato associato presso la locale casa circondariale.

 
Condividi