gototopgototop

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Oggi al cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Noci - Opere abusive in area protetta e distruzione di 30 alberi di fragno
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit

Noci - Opere abusive in area protetta e distruzione di 30 alberi di fragno

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 
Cronaca provincia di Bari

Sequestrati 7mila mq di superficie in località "Murgecchia". Contestate opere abusive, violazioni ambientali  e sradicamento di 30 piante di quercia della specie Quercus Troiana

Forestale_Noci_sequestroNoci Ba - Il personale del Corpo Forestale dello Stato di Noci, in servizio d'istituto finalizzato alla tutela del territorio, ha eseguito un sequestro penale preventivo di un fondo rustico della superficie complessiva di circa 7000 mq, in località "Murgecchia", agro del Comune di Noci, sul quale erano stati effettuati lavori abusivi.

In particolare, gli Agenti hanno accertato l'avvenuta realizzazione di un terrapieno finalizzato alla colmatura di una depressione naturale, con spianamento e dissodamento del terreno e demolizione di vecchi fabbricati rurali, nonché lo sradicamento di 30 piante di quercia della specie Quercus Troiana (fragno).

Dagli accertamenti effettuati è risultato che l'intero fondo rustico è tutelato dal P.U.T.T./paesaggio della Regione Puglia, come Ambito Territoriale Esteso di valore rilevante "B", ricade in zona tutelata come Sito d'Importanza Comunitaria ed è sottoposto a vincolo idrogeologico.

Il responsabile dei lavori abusivi, residente a Noci, è stato deferito all'A.G. per violazione della normativa paesaggistico-ambientale in quanto sia i lavori di movimento terra, che hanno inciso in modo significativo sull'habitat protetto, sia l'eliminazione delle piante di quercia, considerate dal P.U.T.T. regionale beni diffusi del paesaggio agrario, sono stati eseguiti in assenza di autorizzazione paesaggistica, valutazione d'incidenza e del nullaosta forestale per il superamento del vincolo idrogeologico.

E' stato contestato inoltre il reato di cui all'art. 733 bis del codice penale che punisce chi distrugge o deteriora un habitat all'interno di un sito protetto.





 
Cronaca provincia Bari