I fatti risalgono al 4 gennaio 2012. Erano a bordo di una moto quando accostarono all'auto della donna in via Garibaldi per impossessarsi della borsa. I Carabinieri li hanno rintracciati e arrestati

Carabinieri_MonopoliCasamassima Ba - I Carabinieri di Casamassima hanno arrestato il 21enne Francesco Abbrescia e il 19enne Michelangelo Maselli, entrambi del quartiere Japigia di Bari, noti alle forze dell’ordine, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Bari su richiesta della locale Procura della Repubblica con l’accusa di rapina aggravata in concorso.




I fatti risalgono al 4 gennaio 2012, quando una donna del luogo, dopo aver fatto degli acquisti da un negozio di corso Garibaldi, saliva a bordo della propria autovettura e si accingeva a partire. Prima di avviare il motore, però, un giovane, travisato da un casco integrale, apriva lo sportello e tentava di strapparle la borsa che ancora stringeva tra le mani. Sebbene avesse opposto ferma resistenza, ormai sopraffatta dalla forza del malfattore, la malcapitata si vedeva costretta a mollare la presa.

Ottenuto il “bottino”, lo sconosciuto saliva a bordo di una motocicletta di grossa cilindrata, condotta da un complice rimasto ad attenderlo e si allontanavano. Rimasti subito dopo temporaneamente imbottigliati dal traffico cittadino, la donna rincorreva i due e riuscire ad afferrare la borsa, nel tentativo di rientrarne in possesso. A questo punto, però, il passeggero della moto non ha esitato a colpire con pugni e gomitate la testa e la spalla della donna, riuscendo così a guadagnare definitivamente la fuga.

Le indagini svolte dai Carabinieri, coordinati dalla Procura della Repubblica di Bari, hanno portato all’acquisizione di diversi e inequivocabili elementi a carico dei due rapinatori. Primo, la moto usata era intestata ad uno dei due, poi, alcune perquisizioni hanno consentito di ritrovare i capi di abbigliamento che i due indossavano il giorno della rapina.

I due arrestati sono stati portati presso il Carcere di Bari.

 
Condividi