L'uomo l'aveva avvicinata in strada e dopo l’ennesima animata discussione ha estratto una pistola esplodendole un colpo alla testa

CC_Mola_FOTO_ARMA_SEQUESTRATAMola di Bari (Ba) - I Carabinieri della Tenenza di Mola di Bari in poche ore hanno risolto il tentato omicidio della 48enne Anna Spilotros, avvenuto nella serata di ieri in quel centro abitato. E’ stato infatti tratto in arresto un 60enne del luogo che aveva avuto in passato una relazione con la vittima e che ieri sera, intorno alle 20.30 circa, l’avrebbe avvicinata in strada e, al culmine dell’ennesima animata discussione, avrebbe estratto dalla tasca una pistola esplodendole un colpo alla testa.

Sul posto i Carabinieri, dopo aver soccorso la donna, ricoverata in gravi condizioni presso l’ospedale “Di Venere” di Bari, hanno repertato un bossolo e 2 proiettili inesplosi. Le immediate indagini condotte dai militari, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Bari, hanno permesso, anche sulla base delle dichiarazioni rese da alcuni testimoni, di identificare l’autore del ferimento, ritracciato e bloccato poco dopo nei pressi del locale ”ex molo di Levante” mentre aveva ancora tra le mani una pistola scacciacani modificata ad hoc con colpo in canna e pronta all’uso.

Disarmato e bloccato, l’uomo è stato associato presso la locale casa circondariale. L’arma, unitamente al proiettile, dello stesso calibro di quelli repertati sul luogo dell’agguato, sono stati sottoposti a sequestro.

 
Condividi