gototopgototop

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Oggi al cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Acquaviva, forza un posto di blocco. Preso un giovane rumeno dopo un pericoloso inseguimento
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit

Acquaviva, forza un posto di blocco. Preso un giovane rumeno dopo un pericoloso inseguimento

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Cronaca provincia di Bari
Ha forzato un posto di blocco e, fermato dopo una rocambolesca fuga, ha strattonato un militare e finisce in carcere 

carabinieri241

Acquaviva delle fonti (Ba) - È accaduto nella tarda mattinata di ieri ad Acquaviva delle Fonti, dove i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Gioia del Colle hanno tratto in arresto un cittadino di origine rumena di 27anni con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale in concorso.

I militari, durante un posto di controllo attuato sulla S.P. 82 Gioia del Colle – Acquaviva delle Fonti, hanno intimato l’alt ad una Renault Espace. Il conducente, invece di fermarsi, ha accelerato bruscamente l’andatura dandosi a precipitosa fuga verso la S.P. 205 per Adelfia, innescando un pericoloso inseguimento, durante il quale non ha esitato a effettuare manovre spericolate.

Il fuggitivo, vistosi alle strette, ha fermato l’auto a bordo carreggiata e ha tentato invano la fuga a piedi, unitamente ad altri tre correi, riusciti, invece, a fare perdere le loro tracce. Immediatamente raggiunto, pur di sottrarsi alla cattura, ha strattonato ripetutamente gli operanti, ma si è poi dovuto arrendere, venendo tratto in arresto.

A seguito di una perquisizione veicolare, nella circostanza, i militari rinvenivano e ponevano sotto sequestro svariati arnesi da scasso.

Il 27enne si trova ora rinchiuso nel carcere del capoluogo, su disposizioni impartite dalla locale Procura della Repubblica, mentre il veicolo è stato posto sotto sequestro.





 
Cronaca provincia Bari