gototopgototop

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Oggi al cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
  • Cinema
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Castellana Grotte, insegue e rapina un'amica
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit

Castellana Grotte, insegue e rapina un'amica

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Cronaca provincia di Bari
A bordo della sua auto ha inseguito, tamponato, raggiunto e bloccato l’amica rapinandola del cellulare. Identificato è finito in manette Posto-controllo_CC
Castellana Grotte (Ba) - Si tratta di un 24enne di Martina Franca, arrestato ieri notte dai Carabinieri di Castellana Grotte con l’accusa di rapina. In piena notte si è presentata in caserma una 21enne di Castellana Grotte con ferite alle gambe, la quale riferiva di essere stata poco prima raggiunta a bloccata nei pressi della sua abitazione da un amico che la rapinava del cellulare.


In particolare, la ragazza, dopo aver trascorso una serata in compagnia di amici in un paese della provincia di Taranto, stava facendo rientro a casa a bordo della sua auto quando, verosimilmente per motivi di gelosia, veniva raggiunta da uno dei suoi amici, poi identificato nel 24enne di Martina Franca, che viaggiava a bordo della sua “Polo”. Lo stesso, costringendola a fermarsi dopo averla tamponata, la inseguiva fino a Castellana Grotte dove la ragazza si fermava vicino casa. A quel punto il malfattore, sceso dal mezzo, dopo aver infranto il vetro lato  passeggero, provocando ferite alle gambe della ragazza, le strappava di mano il cellulare per poi dileguarsi.  Sulla base del racconto reso dalla 21enne, i Carabinieri riuscivano ad identificare l’aggressore intercettandolo a bordo della sua auto presso una stazione di servizio di Alberobello dove veniva tratto in arresto. La successiva perquisizione infatti, consentiva agli operanti di rinvenire nelle tasche del 24enne il cellulare della vittima che veniva restituito all’avente diritto. Il ragazzo, su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, è stato associato presso la locale casa circondariale mentre la vittima, soccorsa dai sanitari del locale nosocomio, è stata giudicata guaribile in 5 giorni s.c..



 
Cronaca provincia Bari