Giannandrea: 'gli aumenti ci sono ma sono in linea con quelli degli altri comuni che adottano il porta a porta. Se ci saranno i margini le tariffe saranno riviste per l’anno prossimo'. Dalla prossima settimana parte la raccolta punti

PSala_Consiliare_conferenza_stampautignano Ba – Il sindaco Giannandrea ha spiegato in conferenza stampa ieri il motivo degli aumenti e illustrato quali sono i passi che l’amministrazione sta compiendo per migliorare il servizio di raccolta dei rifiuti.

Il sindaco di Putignano ha spiegato che l’anno scorso l’imposta sui rifiuti non subì aumenti, perché grazie ad un cavillo normativo la vecchia amministrazione riuscì a rimanere in regime Tarsu anziché passare alla Tares e furono utilizzati a copertura del costo totale circa 1 milione di euro, reperiti da altra fiscalità locale.

Il problema lamentato oggi dai cittadini - aggiunge Giannandrea - è che essi vedono schizzare sempre più in alto i costi, ma sono insoddisfatti del servizio per come concepito, e del paese che appare più sporco e trasandato rispetto prima.

Il costo della Tari è in linea con la media degli altri comuni che adattano un sistema di raccolta simile a quello di Putignano, che è costoso perché  molto articolato e richiede tanta manodopera. Pensare di ridurre o pareggiare il conto tra costi di raccolta con gli introiti della differenziata è ancora un miraggio.

Attualmente, il 45% dei rifiuti finisce ancora in discarica con tutti i costi che comporta: l’indifferenziato costa 125 euro a tonnellata e la frazione più pesante, l’organico, circa 107 euro a tonnellata. Inoltre il servizio di igiene urbana non si occupa solo della differenziata, ma anche del lavaggio e spazzamento strade, disinfestazioni, ecc.

Tra le rassicurazioni di Giannandrea, quelle relative al Centro Comunale di Raccolta. Entro sei mesi sarà eseguito l’adeguamento del CCR.  Nel contempo è già partito il servizio che consente il conferimento dei panni e pannoloni e dei rifiuti elettrici raee. Dalla prossima settimana partiranno le premialità (raccolta punti) e nel prossimo regolamento della Tari sarà precisato in cosa essi saranno convertiti, ma sono previsti sconti sull’imposta.

A data da destinarsi il nuovo servizio che consentirà il conferimento dei metalli insieme alla plastica. Partità non appena sarà perfezionata la triangolazione tra il Comune, l’ATI e il consorzio di conferimento che provvederà al servizio di separazione tra plastica e metalli. E comunque a breve.

Se ci saranno i margini, l'amministrazione proverà a rivedere le tariffe per l’anno prossimo. Questo grazie al rinnovo delle convenzioni scadute o addirittura mancanti con i consorzi che riciclano e acquistano i materiali come vetro, alluminio, ecc.. Oppure grazie anche al fatto che a far data dal 20 ottobre 2014, La Regione Puglia ha recepito e ammesso Putignano allo sconto sull’ecotassa che passa dai 23,.. ai 7 euro per tonnellata, che consentirà dunque un ulteriore risparmio.

Resta confermato l'appello ai cittadini utenti, affinché si continui a differenziare, anche perché superando la soglia del 65%, sarà possibile ottenere ulteriori benefit e incentivi da parte della Regione Puglia. Inoltre si eviterebbe l'esborso aggiuntivo che pagano tutti i cittadini, necessario per andare a ripulire e bonificare le varie discariche a cielo aperto.

 
Condividi