gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Luce a Sud Est: Domenico Maggipinto vincitore del concorso di scrittura sociale
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Luce a Sud Est: Domenico Maggipinto vincitore del concorso di scrittura sociale

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Attualità

Con il romanzo Isola, il putignanese Domenico Maggipinto, ha vinto la II edizione del concorso di scrittura sociale Luce a Sud Est, con il patrocinio della Regione Puglia - Assessorato alle Politiche Giovanili

Putignano Ba - Il concorso di editoria etica, agevola l’accesso alla pubblicazione di giovani scrittori impegnati su Domenico_Maggipinto_2tematiche sociali. Solidarietà, volontariato, lavoro, integrazione, finanza etica, ambiente, scuola: questi e altri sono i temi proposti, con un taglio critico, di analisi e di proposta, per incentivare l’educazione alla legalità, utilizzando la scrittura come mezzo per diffondere una nuova lettura attenta e trasversale del Paese.



Domenico Maggipinto è nato a Noci nel 1984, e vive a Putignano, dove gestisce uno spazio di coworking per la creazioni di laboratori ed eventi culturali.

Isola, dichiaratamente ispirato alla situazione di Taranto, arricchito da una lunga serie di metafore bibliche, sarà dunque, la sua prima pubblicazione. Questa la descrizione del romanzo, nelle parole dello scrittore:

Isola è un racconto che parla di una terra abbandonata e senza approdi, circondata da un mare senza ponti e senza navi. Dentro quest’isola un’umanità  anch’essa abbandonata viene rappresentata come fosse un vascello alla deriva, attraverso uno stile che prende spunto dalla Bibbia. Giona infatti, il protagonista del racconto, rivive la sua avventura con nuovi (falsi) dei e una ricerca casuale e distratta di libertà a cui però nessuno sa dare ali: non i suoi conterranei ridotti a un degrado inumano, non il sale metafora di una mafia corrosiva, né tantomeno il lontano, inaccessibile continente ed il suo famoso giornalista, acclamato come eroe della legalità,  ma che a conti fatti proclama una retorica che non accoglie l’umanità e la sofferenza intima degli isolani”.

Unanime il giudizio della giuria, presieduta dallo scrittore Francesco Dezio, e composta dagli scrittori Marco Montanaro e Antonio Lillo e, in rappresentanza delle due associazioni, da Luca Gianfrate e Annalisa Adobati.