gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Il Rotaract Club Putignano alla scoperta del Carnevale e de “La Casa di Farinella”
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Il Rotaract Club Putignano alla scoperta del Carnevale e de “La Casa di Farinella”

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Attualità

Un pomeriggio “intellettuale” e ludico per i ragazzi dell’Istituto “De Bellis” di Castellana Grotte con ll “Rotaract Club Putignano”, in collaborazione con l’associazione culturale “Labor Limae”

Rotaract_Club_Labor_Limae_PutignanoPutignano Ba - Il tutto ha avuto luogo in data 10 marzo 2014, grazie al prezioso supporto di Samantha Laterza, guida turistica e socia fondatrice dell’associazione “Labor Limae”.




Rotaract_Club_Labor_Limae_Putignano_guida_Samantha_LaterzaIl pomeriggio è incominciato con una passeggiata nel  centro storico di Putignano, con particolare attenzione ai luoghi principali: Corso Garibaldi, Piazza Plebiscito, Chiesa di S. Pietro, Chiesa di S. Maria la Greca. La seconda tappa è stata la Biblioteca Comunale, ove è ubicata “La Casa di Farinella”.

Qui, i ragazzi hanno potuto vedere le miniature dei carri risultati vincitori negli anni passati e le sale dedicate  a due noti personaggi del carnevale putignanese: Armando Genco e Stefano Caldi (noto come u’Baresidd).

Rotaract_Club_Labor_Limae_Putignano_CarnevaleInfine, il gruppo ha  avuto l’opportunità di prender parte ad un laboratorio di cartapesta, lavorando l’argilla e ricevendo, come omaggio, un magnete raffigurante il volto di Farinella. Ampiamente soddisfatti i membri di entrambe le associazioni putignanesi che hanno apprezzato il grande interesse dei ragazzi del “De Bellis” su tutti i versanti: alcuni, infatti, sono apparsi più interessati al centro storico, altri al museo del carnevale e della cartapesta, altri ancora al laboratorio, ma tutti quanti hanno partecipato in maniera molto attiva.

Un’iniziativa utile e positiva non solo per i giovanissimi ospiti, ma anche per le due associazioni che hanno potuto verificare  quanto  sia importante e decisivo l’incontro tra  competenze, finalità ed interesse diversi. Un “esperimento”, dunque, molto positivo che probabilmente prelude a nuove, interessanti forme di collaborazione nell’ambito della solidarietà e della promozione culturale.