gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
La lettera: perché non dedicare il Carnevale a Farinella anziché a Verdi?
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

La lettera: perché non dedicare il Carnevale a Farinella anziché a Verdi?

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 9
ScarsoOttimo 
Attualità

Quest'anno ricorrono i 60 anni dal debutto commerciale della maschera simbolo del nostro Carnevale. Giuseppe Laera e Antonella Messa propongono di dedicare a Farinella questa edizione del Carnevale anziché a Verdi

Farinella_tebellonePutignano Ba - Ricorrendo 60° Anniversario del debutto commerciale della maschera di Farinella, gli istanti propongono di rendere omaggio alla maschera del Carnevale di Putignano, anziché ignorarla come avvenuto nel corso della presentazione pubblica della 620° edizione del Carnevale.




Il testo integrale della missiva
Alla c.a della Fondazione Carnevale di Putignano, Presidente Franco Laera;
e p.c.

- Sindaco del Comune di Putignano, Avv. Gianvincenzo Angelini De Miccolis
- Assessore alla Cultura, Giuseppe Genco
- tutta la stampa

I sottoscritti Laera Giuseppe e Messa Antonella, dopo aver partecipato alla presentazione della 620° edizione del Carnevale di Putignano lo scorso 17 gennaio presso la sala consiliare del Comune di Putignano e aver notato che :

- a parte le filosofie aleatorie espresse, anche quest'anno la denaturalizzazione del nostro Carnevale è palese;

- in contrapposizione alle dichiarazioni del sig. Sindaco, l'organizzazione dell'evento sta amplificando il distacco tra la manifestazione e la partecipazione spontanea dei cittadini;

- quando c'è l'intrusione di troppe "mani esterne", ci si dimentica di porre l'attenzione sulla nostra storia delle tradizioni, che rappresenta la fonte prima di interesse da parte dei turisti;

nell'ottica di stimolarvi a mettere sempre al centro di ogni cosa le nostre peculiarità culturali, (come tra l'altro previsto dall'art.2 dello Statuto in vigore), più che rincorrere sempre i "bandi" che (come l'edizione estiva scorsa) mortificano l'essenza delle cose se non si sanno gestire al meglio,

VISTO CHE

quest'anno "dovrebbe" ricorrere il 60° Anniversario del debutto commerciale della maschera di Farinella, ideata da Mimmo Castellano, in qualità di testimonial ufficiale del Carnevale di Putignano e che quindi ne ha segnato la storia indelebilmente e l'immagine generale in quanto da allora Farinella è la maschera del Carnevale di Putignano universalmente riconosciuta

PROPONIAMO

Alla Fondazione Carnevale di Putignano di - valutare la possibilità di rendere omaggio alla maschera del Carnevale di Putignano "Farinella" nel suo 60° anniversario chiedendo ai maestri cartapestai di realizzarne un pupo e aggiungerlo ai manufatti (carri allegorici) che stanno completando, possibilmente anche indicando un qualcosa che ricordi l'anniversario;

- valutare la possibilità di rendere omaggio alla maschera del Carnevale di Putignano "Farinella" nel suo 60° anniversario anche prevedendo l'organizzazione di altre iniziative collaterali dedicate.

- valutare la possibilità di far interpretare, al sig. Dino Parrotta, Farinella senza la maschera di cuoio, sul viso, in quanto riteniamo che questa rappresentazione falsi l'identità di una maschera che ha origini popolari, ed erroneamente si potrebbe dare l'idea che sia parte delle maschere della

commedia dell'arte;

Pur rispettando le scelte fatte, sicuramente quest'anno sarebbe stato doveroso dedicare l'intero Carnevale a Farinella più che ad una figura completamente esterna e senza attinenza, comunque speriamo che la Fondazione Carnevale di Putignano colga l'input proposto; in caso negativo affidiamo le nostre speranze direttamente all'iniziativa personale dei maestri cartapestai al fine di operare al servizio della nostra cultura.

Sicuri di pronto riscontro, porgiamo Distinti Saluti