gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Putignano – Fratelli d’Italia annuncia il movimento giovanile e ‘Officina per l’Italia’
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Putignano – Fratelli d’Italia annuncia il movimento giovanile e ‘Officina per l’Italia’

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Attualità

Lunedì 30 settembre Guido Crosetto sarà a Bari per spingere sulle primarie

Fratelli_dItalia_conferenza_stampa_copyPutignano Ba - Prossimo impegno di Fratelli d’Italia a Putignano, per mandato che proviene dalla dirigenza regionale, sarà quello di formare il movimento giovanile di Fratelli d’Italia, già costituito al livello nazionale. Il responsabile nazionale è il trentenne Marco Perissa.

Lo ha comunicato il coordinatore locale di Fratelli d’Italia a Putignano Davide Filioli Uranio, nel corso di una conferenza stampa di qualche giorno fa. Uranio ha anche sottolineato che viene fatto obbligo di accettare nel movimento giovanile del partito, solo soggetti che abbiamo meno di 35 anni.

Nella stessa occasione, il coordinatore provinciale Mauro Spadavecchia, ha altresì annunciato l’arrivo in Puglia del coordinatore nazionale Guido Crosetto, già sottosegretario alla difesa, per lunedì 30 settembre. Scopo della visita, rivendicare l’autorità e il rispetto delle regole del mandato di Fratelli d’Italia che chiede si facciano le primarie. Un messaggio rivolto anche alle altre forze del centro destra. Crosetto chiederà le primarie a tutti i livelli, comunale, provinciale, regionale, ecc..

Ma l’annuncio più importante riguarda il nuovo contenitore politico denominato “Officina per l’Italia

Con il ritorno a Forza Italia – ha spiegato Spadavecchia - si chiude definitivamente l'esperienza del Popolo della Libertà, che non era nato per essere la sintesi delle molte anime del centrodestra. Molti esponenti della destra, cattolici, laici e riformisti liberali, oggi, con questo ritorno al passato, non hanno più cittadinanza nel partito fondato da Berlusconi vent'anni fa e per i quali si apre un problema di rappresentanza.

Per questo è nato Officina per l’Italia, un contenitore ove leader nazionali che non si sentono attualmente rappresentati, possono confluire per partecipare ad un nuovo laboratorio programmatico politico (ne fanno già parte Adolfo Urso, Gianni Alemanno, Oscar Giannino, Luciano Ciocchetti). Non solo dunque di centro destra, ma provenienti anche da un ambiente moderato o centrista.