gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Cartafesta: 55mila euro per la ‘carnevalata’ estiva
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Cartafesta: 55mila euro per la ‘carnevalata’ estiva

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 8
ScarsoOttimo 
Attualità

Tanto è stato speso tra spettacolo teatrale e siae (fonte Gazzettadelmezzogiorno). La Fondazione aveva a disposizione 112mila euro, di cui 100mila dalla Regione Puglia e 12mila dalla Provincia di Bari. La parte non spesa sarà utilizzata in altri futuri eventi

PCarnevale_di_Putignanoutignano Ba – Il costo complessivo della manifestazione estiva del Carnevale di Putignano, denominata “Cartafesta” è stato di 55mila euro, dei quali 30mila per la Siae e 13.745 euro per lo spettacolo «Costellazioni». Il compenso complessivo erogato ai 12 artisti è stato di 8.500 euro + iva (10.285).

Va sottolineato che, gli eventi di strada del venerdì sera (partita di calcio in maschera Argo; gara di ballo con Calabritta e lo spettacolare motocross freestyle acrobatico con Ciccio White), sono stati ammessi quasi a costo zero o a rimborso spese.

Oggi si apprende che la Regione Puglia invece, aveva messo a disposizione 100mila euro per l'evento estivo: i restanti 45mila la non spesi saranno utilizzati dalla Fondazione per i prossimi eventi. Si vocifera che lo spettacolo Costellazioni sarà riproposto in occasione della prossima edizione di Stelle a Palazzo, manifestazione che da 11 anni preannuncia la riapertura del Palazzo Romanazzi Carducci in Piazza Plebiscito a Putignano.

Non si fa cenno invece ai 12mila euro offerti dalla Provincia di Bari. Si è rivelata la solita pantomima dunque quella che ha preceduto la manifestazione: dichiarazioni su casse vuote della Fondazione, braccio di ferro per ottenere dall’amministrazione comunale la parte restante dei 50mila euro a fronte dei 450mila inizialmente previsti ma non più concessi; la riduzione da tre a due giorni dell’evento, i misteri e i ritardi sull’allestimento del programma, nonché altre stravaganze di codesta gestione dell’ente Fondazione che, di fatto, continua inopinatamente ad intraprendere scelte organizzative, non sempre condivise dai cittadini, ma con soldi interamente pubblici.