gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Puliamo il mondo anche a Putignano con Legambiente
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Puliamo il mondo anche a Putignano con Legambiente

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Attualità
Comunicato StampaLegambiente_puliamo_il_mondo_2_low

Putignano (Ba) - Domenica 30 settembre, nel quartiere 2000, si e’ svolta la ventesima edizione di PULIAMO IL MONDO: iniziativa  mondiale che, a Putignano, viene organizzata dai volontari del circolo verde citta’ di Legambiente.

Anche quest’anno l’iniziativa si e’ svolta in Parco Almirante e in aree limitrofe, a seguito delle diverse segnalazioni e lamentele dei cittadini.

Dalle 10.00 alle 12.00 di una calda domenica mattina, i volontari di Legambiente hanno potuto constatare che il parco, meta di frequentatori in tutte le ore dal giorno, risultava pieno di: escrementi, di vetri di bottiglie rotte, di tappi di birra, di cicche di sigarette, questo soprattutto nell’area del gazebo; una delle giostre per bambini distrutta; svariate tipologie di rifiuti quali involucri di patatine, imballaggi vari, pezzi di ferro di vario genere. Il tutto estremamente pericoloso ancorche’ inquinante e certamente brutto da vedere.

Come noto, Parco Almirante nacque durante Puliamo Il Mondo e Festa Dell’albero di Legambiente, nell’anno 1995, dalla collaborazione tra i volontari di Legambiente, del comitato di cittadini residenti nel quartiere Putignano 2000 e il Comune di Putignano.

Proprio per questo lanciamo un appello: non basta che le strutture pubbliche e quelle private incaricate effettuino la manutenzione dell’area, occorre l’impegno costante da parte di tutti, soprattutto di chi ne fruisce, per mantenere in ordine un patrimonio comune, conquistato con svariati sacrifici.

Al termine dell’iniziativa i cittadini, tra cui diversi bambini, e i volontari hanno differenziato i rifiuti raccolti e utilizzato i bidoni per la raccolta differenziata poco distanti dal parco; hanno anche fatto la constatazione che il numero delle cicche gettate denota un uso troppo diffuso del fumo e degli alcoolici tra i giovanissimi fruitori del gazebo, e che gli stessi danneggiano i beni comuni e imbrattano i muri con scritte e disegni fatti con lo spay.

Inoltre i volontari si sono interrogati sulle possibili soluzioni, fra le altre e’ stato suggerito:

1)     Di delimitare una parte del parco di Via Wagner (quello non ancora sistemato) per destinarla ai padroni indisciplinati e i loro cani cosi’ da evitare l’imbrattamento delle aree pubbliche;

2)     Rivolgere un invito a costoro di utilizzare le apposite “palette” raccogli-scrementi;

3)     Di favorire campagne per la riduzione del fumo e del consumo di alcolici soprattutto in giovane eta’;

4)     Di favorire campagne per il rispetto dell’ambiente quale bene comune magari predisponendo cartelli segnaletici contenente anche le sanzioni applicabili in caso di abbandono di rifuti;

5)     Di applicare le sanzioni previste dal codice della strada e dal testo unico sui rifiuti per chi abbandona rifiuti o imbratta strade e luoghi pubblici;

6)     Di dotare il parco di un maggior numero di cestini e di chiedere al gestore del parco una manutenzione piu’ accurata, coinvolgendo magari gli enti e le associazioni locali;

Chiediamo inoltre:

Che le amministrazioni pubbliche si impegnino sempre di piu’ nel predisporre soluzioni appropriate al problema dei rifiuti e della raccolta differenziata nonche’ che si adoperino per la realizzazione di aree verdi fruibili dai cittadini, soprattutto nelle zone centrali del paese e nei quartieri cittadini piu’ abitati e frequentati (villa comunale, parco grotte, quartiere san pietro piturno, putignano 2000, primo maggio ecc.ecc.)

E, come cittadini, ci impegnamo a mantenere pulito l’ambiente.

Il presidente del circolo (Maria Casulli)