gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Putignano, la tassa sui rifiuti potrebbe aumentare ancora
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Putignano, la tassa sui rifiuti potrebbe aumentare ancora

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Attualità

Il servizio è costato 530mila euro in più del previsto. A meno che il Comune non decida di reperire altrove il 14% della copertura mancante, è plausibile prevedere che sarà messo a carico dei cittadini l'anno prossimo

Cda_Quattrocchi_PutignanoPutignano (Ba) - <<A parte l'aumento delle aliquote IMU, non sono previsti altri aumenti a carico dei cittadini>>, si è apprestato a dichiarare in più occasioni l'assessore al bilancio Gianni Campanella, nel corso dell'ultimo Consiglio Comunale per l'approvazione del bilancio previsionale.

Eppure, a ben guardare nelle pieghe delle voci di spesa, rileva un dato significativo relativamente alla TARSU (Tariffa Rifiuti Solidi Urbani) il cui costo si attesta a €3.578.000,00.

Dopo i pesanti aumenti dell'imposta applicati negli ultimi due anni ben nota ai cittadini putignanesi, che doveva consentire la copertura del 100% del costo del servizio e portata l'anno scorso al 97% della copertura costo totale, nell'ultimo bilancio di previsione è indicata all’86%. Ciò significa che il servizio costa più del previsto con un l’aumento di 530mila euro circa.

La questione, sollevata dai banchi dell'opposizione durante l'approvazione del bilancio di previsione 2012, ha permesso di evidenziare un aumento dei costi di igiene urbana (costi indiretti di personale, ecc.). Questo incremento dei costi per il servizio rifiuti, a meno che il Comune non decida di reperire da altre voci di bilancio il 14% della copertura mancante, salterà fuori l’anno prossimo ed è plausibile prevedere che sarà messo a carico dei cittadini.