gototopgototop
Caffe_Roma_475x120Ricco_banner_testata_2__475x120

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Banner
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Parto-analgesia, un fiore all’occhiello della sanita’ putignanese
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Parto-analgesia, un fiore all’occhiello della sanita’ putignanese

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Attualità

Lions_Putignano_Pres._Natalia_PuntoPutignano (Ba) - Venerdì 8 Giugno scorso, la Sala Convegni della Chiesa di San Domenico  di Putignano ha ospitato l’ultimo degli incontri sulla salute del bambino prima e dopo la nascita, organizzati dal  Lions Club locale.  Il convegno, dal titolo Parto e dolore: binomio inscindibile? e con illustre ospite il Dott. Aldo Calò - primario dell’Unita Operativa  di Anestesiologia dell’Ospedale Santa Maria degli Angeli in Putignanoha visto come protagonista assoluta la futura  mamma e il suo bambino  nella  realtà del parto e della sua relazione con il dolore.

Ha presieduto l’incontro la Presidente del club, avvocato Natalia Pinto; coordinatore degli interventi la Dott.ssa Alessandra Castegna, Professore associato presso la Facoltà di Scienze Biotecnologiche dell’Università degli Studi di Bari. La dott.ssa Castegna, dopo aver sottolineato la difficile accettazione del dolore nell’esperienza umana e la conseguente importanza dell’analgesia ed anestesia per poterlo superare, ha spiegato l’attenzione della farmacologia  moderna per il dolore notoriamente più intenso: quello del parto appunto. L’analgesia epidurale, sempre più ampiamente richiesta e praticata, si è rivelata un modo per vivere il travaglio ed il parto nel modo più naturale possibile, ma senza dolore.   In realtà l’Italia fa fatica ad acquisire questa pratica altrove largamente acquisita, essendo l’epidurale garantita solo dal 16% delle strutture ospedaliere pubbliche  convenzionate, a dispetto del numero di donne, sempre crescente, che ne fa richiesta ogni giorno. La portata dell’offerta per gli ospedali italiani è, come spesso succede, a macchia di leopardo o peggio a singhiozzo, ad orario, a pagamento.

In questo triste contesto l’ospedale di Putignano è una felice eccezione, potendo garantire l’epidurale a richiesta, gratuitamente e 24 ore su 24, nel totale rispetto della scelta libera ed autonoma delle donne e associando l’informazione e l’assistenza alla pratica medica.

Da anni sostenitore di questo progetto, il Dott. Aldo Calò, con forte volontà e attraverso l’informazione e il training di personale specializzato, ha fatto del Santa Maria degli Angeli un centro in grado di offrire la parto-analgesia gratuita alle future mamme ed una realtà di eccellenza nel panorama sanitario pugliese.


Nel suo interessantissimo e appassionato intervento il Dott. Calò ha spiegato ai convenuti la parto-analgesia dal punto dal punto di vista tecnico, ma anche della gestione del difficile rapporto con le istituzioni che, per le note difficoltà economiche in cui versa l’Italia, mirano a chiudere  i punti nascita con un numero annuale di parti in analgesia  ritenuti non sufficienti, e quindi mettere in crisi la continuità e completezza dei servizi persino nelle poche  realtà di eccellenza come la nostra, fiore all’occhiello della sanità italiana.

 Il servizio, già attivato presso l’ospedale di Putignano su richiesta dal 2000, è erogato gratuitamente e senza finanziamenti statali a partire dal 2006; il numero dei parti è in costante aumento, fino a diventare oramai una pratica consueta.

 Il dott. Calò ha poi spiegato la tecnica dell’intervento, che prevede un’anestesia locale a bassissimo dosaggio e senza effetti collaterali per madre e figlio, e poi l’inserimento di un semplice tubicino che sarà rimosso a due ore dal parto. La donna perderà la sensazione dolorosa, ma non il controllo muscolare nel deambulare, muoversi liberamente, spingere al momento del parto. I casi in cui la tecnica è  sconsigliata sono pochissimi, il bambino è vivacissimo, come da parto naturale, e non vi sono controindicazioni per l’allattamento al seno né complicanze legate all’analgesia per la mamma.

Dal filmato prodotto dal dott. Calò e realizzato con la collaborazione di sue pazienti nella fase del travaglio,i presenti, tra cui alcune prossime mamme, hanno potuto constatare  l’aspetto sereno e per nulla sofferente delle  partorienti, il clima di serena attesa e sicurezza in cui il tutto si svolge…l’ideale insomma per godere di un momento unico e irripetibile nella vita di una donna e per dare il benvenuto al nuovo arrivato in un’atmosfera libera dal dolore.

Antonella De Nobili





 

Aggiungi un commento

  Si consiglia di non inserire dati personali negli spazi riservati ai commenti (es. indirizzi, numeri cell. ecc.)
Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento: