gototopgototop

Putignano, battaglia per il loculo. Anche il Consiglio di Stato da' ragione al primo richiedente

Stampa
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Attualità

Anche il Consiglio di Stato ha respinto le istanze della famiglia Perrini e riniviato per la discussione all'udienza in Camera di Consiglio del prossimo 24 aprile 

Putignano_civico_cimitero_lowPutignano (Ba) - Dopo la pronuncia del Tar Puglia del 29 marzo che aveva ha dato ragione al Comune di Putignano e respinto le istanze della signora Rosvanna Perrini, vedova di Vito Mastropietro i cui resti sono collocati dal novembre 2010 nel loculo in contestazione e che si opponeva alla traslazione verso altro loculo, è arrivata anche quella del Consiglio di Stato.

Tanto perché quel loculo è rivendicato dalla famiglia Console, che ha presentato la domanda di concessione agli uffici comunali nel 1996, ben prima della famiglia dei Mastropietro. Ciononostante il collegio difensivo della vedova Perrini ha presentato solo qualche giorno fa, appello al Consiglio di Stato e in tempi rapidissimi, oggi, giovedì 5 aprile, è stata già notificata alle parti la decisione con decreto, che ne respinge l’istanza e fissa la discussione in Camera di Consiglio il prossimo 24 aprile 2012.

Il principio dell'ordine cronologico di pervenimento delle richieste di concessione del loculo sembra dunque prevalere, dando ragione alla Sig.ra Console e al Comune di Putignano.

Le due pronunce del TAR e del Consiglio di Stato (un primo ricorso urgente con pronuncia del giudice monocratico fu respinto il 21 febbraio scorso), tutte sfavorevoli alla famiglia Perrini-Mastropietro, consentirebbero a questo punto all’amministrazione comunale di dare seguito all’ordinanza di trasferimento dei resti di Mastropietro in altro loculo vicino, del quale si farà interamente carico e spese l’amministrazione comunale. Rimettendo così il loculo n.110 nella disponibilità della Sig.ra Maria Carmela console che spera così, di poter riposare, un giorno, accanto alle spoglie del figlio scomparso prematuramente.