gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Carnevale estivo, la parola ai carristi e... ai lettori
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Carnevale estivo, la parola ai carristi e... ai lettori

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
Attualità
L’intervento in video del maestro cartapestaio Franco Giotta durante la conferenza stampa di presentazione e i commenti dei lettori a margine del programma sul nostro portale.

Franco GiottaPutignano (Ba) – L’unico maestro cartapestaio, intervenuto nel corso della conferenza stampa di presentazione delle “Notti dei Giganti di carta” è stato Franco Giotta, il quale, come si vede nel video, parlando a nome di tutti i carristi, esprime qualche perplessità in merito alla scelta di fare la sfilata estiva la domenica e non il sabato. Il Carnevale dunque, anche d'estate, fa discutere. Le perplessità non mancano e soprattutto i cittadini lamentano scarsa la trasparenza sulla tenuta dei conti. Di seguito riportiamo alcuni dei commenti dei lettori in merito atermini, modalità e tempi del programma della manifestazione.
Ecco le domande "pungenti" sinora pervenute
Diteci anche la vostra, il dibattito è ancora aperto

1)      "...Perché fare la sfilata di domenica e non di sabato con tutta la movida di giovani che c’è in giro?" Chiede Franco Giotta.
2)      "... Perché fare il carnevale estivo il 2 e 3 luglio quando non ci sono ancora turisti nella zona, e soprattutto, a che serve se come al solito la manifestazione dal punto di vista della comunicazione non è inserita nei circuiti di promozione turistica? (commento di un lettore)
3)      Perché si sente ripetere che i soldi non bastano mai se quest’anno è stato regolarmente versato il contributo comunale di 450mila euro, la Regione ha versato nelle casse della Fondazione 180mila euro, è stato istituito l’ingresso a pagamento anche se nessuno sa quanto abbia fruttato, la fondazione ha contratto un muto di 200mila euro, ci sono contributi di  sponsor privati e la Provincia ha messo a bilancio 50mila euro per aderire alla Fondazione Carnevale. (Commento di un lettore) 

Altri commenti vertono sul fatto che il programma, apparentemente fitto di appuntamenti, mancherebbe sostanzialmente di attrattiva me la mancanza di nomi o di spettacoli all’altezza di questa manifestazione e comunque di gran lunga meno interessanti dei concerti proposti lo scorso anno con i Radiodervish e Roy Paci. Diteci la vostra.