gototopgototop
Caffe_Roma_475x120Ricco_banner_testata_2__475x120

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Banner
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Putignano: ressa a teatro per Serge Latouche
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Putignano: ressa a teatro per Serge Latouche

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Attualità

Putignano (Ba) - si è svolto questa sera a Putignano, venerdì 12 novembre, presso il cineteatro Margherita,  l'incontro con Serge Serge_Latouche_PutignanoLatouche, l’economista francese e antropologo economico che ha insegnato a tutto il mondo la necessità, il bisogno, la risorsa “decrescita felice", organizzato dall'assessorato all'ambiente del Comune di Putignano.

La fama che precede il padre della "decrescita", ha però attirato una moltitudine di pubblico che ha letteralmente preso d'assalto la sala putignanese. La massiccia affluenza di persone ha reso infatti necessaria la chiusura delle porte del teatro per il "tutto esaurito", tant'è che all'esterno non sono mancati mugugni e reclami da parte di coloro che erano giunti anche dal nord barese per sentire Latouche e si sono visti negato l'accesso. Il nutrito gruppo di persone in sosta sulla stretta via Cappuccini, fuori del Teatro Margherita ha reso necessario l'intervento della Polizia Municipale per consentire il regolare scorrimento del traffico.

Serge_Latouche_-_Dino_angeliniL'assessore all'ambiente Dino Angelini, intervenuto in apertura, si è preliminarmente scusato per il disagio arrecato a coloro che sono rimasti fuori, nonché per quello toccato a coloro che pur all'interno della sala gremita hanno assistito all'incontro stipati come sardine. Qualcuno, su invito dello stesso relatore, ha persino preso posto con le sedie direttamente sul palcoscenico.

 

(Note su Serge Latouche; elaborato da la Stampa)

Serge Latouche, nel suo lavoro "Breve trattato sulla decrescita serena" offre una sintesi del pensiero della decrescita.
L’autore sintetizza gli sforzi necessari per trasformare la nostra società sviluppista, ormai in fase di disfacimento sotto il peso del proprio fallimento, in una società della decrescita serena, articolandoli “in otto cambiamenti interdipendenti che si rafforzano reciprocamente, costituiti da otto R: rivalutare, riconcettualizzare, ristrutturare, ridistribuire, rilocalizzare, ridurre, riutilizzare, riciclare”.

Rivalutare significa colmare il vuoto di valori oggi dominante: “amore della verità, senso della giustizia, responsabilità, rispetto della democrazia, elogio della differenza, dovere di solidarietà, uso dell’intelligenza” sono, oggi, indispensabili per creare un differente immaginario collettivo, all’interno del quale sarà necessario Riconcettualizzare e Ristrutturare tanto gli apparati produttivi quanto i rapporti sociali, nell’ottica di Ridistribuire le ricchezze e l’accesso al patrimonio naturale, sia fra il Nord e il Sud del mondo sia all’interno di ciascuna società.
Rilocalizzare, nelle parole di Latouche, significa “produrre in massima parte a livello locale i prodotti necessari a soddisfare i bisogni della popolazione, in imprese locali finanziate dal risparmio collettivo raccolto localmente”. La sostituzione del globale con il locale rappresenta infatti il fulcro di qualsiasi progetto di decrescita, come Latouche ben sintetizza affermando che “Se le idee devono ignorare le frontiere, al contrario i movimenti di merci e capitali devono essere limitati all’indispensabile” ed aggiungendo che la rilocalizzazione non deve essere soltanto economica ma “anche la politica, la cultura, il senso della vita devono trovare un ancoraggio territoriale”.
Ridurre gli impatti sulla biosfera dei nostri modi di produrre e di consumare, Riutilizzare e Riciclare i rifiuti del consumo, combattendo l’obsolescenza programmata dei prodotti, completano la serie dei cambiamenti proposti nel testo.

Ma Latouche non si ferma qui: arriva a tratteggiare un vero e proprio “programma politico”, tanto pregno di fascino quanto di concretezza, ben comprendendo che qualunque proposito di decrescita serena potrà trovare attuazione solamente nell’ottica di una volontà politica che intenda procedere in questo senso. Estremamente interessante all’interno di questo programma il punto in cui si propone di “trasformare gli aumenti di produttività in riduzione del tempo di lavoro e in creazione di posti di lavoro” e quello in cui, in contrapposizione alla produzione di merci, si stimola la produzione di “beni relazionali come l’amicizia e la conoscenza, il cui consumo non diminuisce le scorte esistenti ma le aumenta”.

A corollario di un testo molto ricco di spunti, Latouche propone alcune riflessioni aventi per oggetto le possibilità d’interazione fra il pensiero della decrescita e la società capitalista, risponde a chi si domanda se la decrescita sia di destra o di sinistra affermando che “il programma che noi proponiamo è in primo luogo un programma di buon senso, altrettanto poco condiviso sia a destra che a sinistra” e rifiuta l’idea della creazione di un vero e proprio partito politico della decrescita, che rischierebbe di cristallizzare lo spirito del movimento.





 
1 Commenti
 
che figuraccia!!!
1 Sabato 13 Novembre 2010 08:33
critico
Bella figura che abbiamo fatto con i forestieri!!!! Solo a Putignano non sapevamo che era questo Latouche?

Aggiungi un commento

  Si consiglia di non inserire dati personali negli spazi riservati ai commenti (es. indirizzi, numeri cell. ecc.)
Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento: