L’idea, partita dal Comune di Alberobello è quella di creare un asse territoriale tra le due regioni, Puglia e Basilicata, attraversate dall’acquedotto pugliese

Via_dellAcqua_incontro_sindaciPutignano Ba - Diciotto sindaci di altrettanti comuni pugliesi si sono dati appuntamento ad Alberobello qualche giorno fa per dare il via al progetto ‘La Via dell’Acqua’. Per la città di Putignano era presente l'assessore al turismo Emanuela Elba.

L’obiettivo è la creazione una sorta di area vasta allargata che da Monopoli arrivi fino a Matera, seguendo il percorso tracciato dall’Acquedotto Pugliese, creando una relazione territoriale, economica e paesaggistica tra queste due regioni del Mezzogiorno.

Inoltre l'occasione di Matera, città europea della cultura 2019, potrebbe costituire un appuntamento importante per preparare i territori all'evento. Tra le finalità, la valorizzazione  sociale,  economica, ambientale e paesaggistica di un comprensorio transregionale, compreso tra la provincia di Matera, la costa ionica, la terra delle gravine e dei boschi, della Valle d'Itria e della piana degli ulivi sull'adriatico.

Con l’istituzione della Via dell’Acqua sarà individuato un nuovo asse territoriale di circa novanta chilometri, in cui sperimentare nuovi modelli di governance, che consentano lo sviluppo di ambiti regionali diversi, attraverso azioni di valorizzazione socio-economici, urbanistici, ambientali, culturali ed infrastrutturali, incoraggiando e sviluppando realtà produttive già esistenti e facilitando lo sviluppo di nuovi modelli economici.

L’incontro istituzionale si è svolto presso il Comune di Alberobello. Hanno preso parte i Sindaci e gli Assessori al turismo dei comuni di Ostuni, Monopoli, Conversano, Castellana Grotte, Putignano, Noci, Martina Franca, Ceglie Messapica e Crispiano. Obiettivo dell’incontro approfondire la fattibilità della costituzione di una aggregazione di comuni, per affrontare l'attuazione del Piano Paesaggistico Territoriale Regionale  (PPTR), attraverso  nuove forme di Governance condivise,  basate su una strategia territoriale comune, volta alla qualificazione dei territori e alla opportunità di svilupparli.

All'incontro erano presenti oltre al Sindaco di Alberobello, Michele Maria LONGO il Sindaco di Monopoli, Emilio ROMANI, il Sindaco di Martina Franca Francesco ANCONA, il Sindaco di Noci Domenico NISI, il Sindaco di Crispiano Egidio IPPOLITO, l’assessore all’urbanistica del Comune di Alberobello Pietro SUSCA , il Capogruppo e consigliere comunale della maggioranza del Comune di Alberobello Pietro CARUCCI, il vice Sindaco di Conversano Carlo GUNGOLO,  l’assessore al turismo del Comune di Castellana Grotte Maurizio Tommaso PACE, il Vice Sindaco di CEGLIE MESSAPIACA  Angelo PALMISANO, l’assessore al Turismo di Putignano Emanuela ELBA, l’assessore al turismo di Ostuni Nicola MAFFEI. All'incontro ha partecipato via Skype anche il Direttore di Matera 2019, nonché Commissario di Puglia Promozione, dott. Paolo Verri.

Ma torniamo alla via dell’acqua. Questo corridoio ideale collocato tra la Provincia di Matera e il mare Ionio e Adriatico vanta una grande quantità di elementi areali di estremo valore ambientale e culturale, attraversando numerosi comuni pugliesi di tre provincie diverse. Solo per citarne alcuni: la particolarissima costituzione geomorfologica (gravine) collocata fra due mari, la presenza naturalistica di aree protette Rete natura 2000 (Parco Regionale delle Murge Materane, Oasi della Lipu nella Gravina di Laterza, Parco Regionale delle Gravine, Riserva Naturale Orientata del Bosco Pianelle, Parco regionale pugliese delle Dune Costiere ) e dei siti di importanza comunitaria, nonché due insediamenti abitativi (Matera e Alberobello) patrimonio UNESCO,  di cui Matera designata Città Europea della Cultura 2019.

L’iniziativa è partita da Alberobello, dopo il successo del Piano Integrato di Paesaggio, un accordo simile a questo, siglato alcuni mesi fa tra la città dei trulli, Locorotondo, Martina, Noci  e Mottola approvato della Regione Puglia, in cui sono stati sviluppati nuovi modelli di sviluppo socio-economico del territorio, compatibili con le peculiarità dei luoghi, finalizzati all’attivazione di risorse comunitarie inserite nel Programma di Sviluppo Regionale 2014-2020.

Un piano strategico che semplifica, ad esempio, il cambio di destinazione d’uso di una masseria abbandonata, per poterla trasformare in una struttura ricettiva. 

Il Sindaco di Alberobello Michele Longo: Siamo ottimisti perché il progetto è stato salutato con interesse da Paolo Verri, direttore di Matera 2019 e Commissario Puglia Promozione in quanto incontra la progettazione strutturata regionale ed europea. Questo progetto può dare grande sviluppo all’economia, al territorio e al turismo. A breve ci sarà un nuovo incontro per la sottoscrizione di un documento di intenti che sarà sottoposto a Puglia 365, un raccoglitore di idee deputato a selezionare le proposte progettuali provenienti dal territorio e candidabili a finanziamento. La fase di pianificazione sarà affidata a gruppi di lavoro composte da gruppi di comuni viciniori che possano sviluppare la progettazione sulla base delle peculiarità delle risorse presenti nelle loro zone e anche sul piano turistico. Inoltre il progetto potrà essere candidato ai fondi strutturali europei per la sua valenza a peculiarità economica

 
Condividi