gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Putignano: Presentata la proposta di gestione dei servizi di igiene ambientale
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Putignano: Presentata la proposta di gestione dei servizi di igiene ambientale

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Attualità

Presentazione_Sala_ConsiliareSi è tenuta questa mattina, nella Sala Consiliare del Comune di Putignano, la conferenza stampa di presentazione del procedimento di rinnovo della gestione dei servizi di igiene ambientale della città. Erano presenti il Sindaco Avv. Gianvincenzo Angelini De Miccolis, il Vice Sindaco Dino Angelini, il dirigente IV ripartizione dott.ssa Scalini e i tecnici esterni gli ingegneri Intini e Lattarulo.

Sono state presentate proposte e metodi di intervento in considerazione degli obiettivi di raccolta differenziata fissati dalle norme nazionali, sostituendo l’attuale raccolta con cassonetto stradale con una raccolta differenziata “porta a porta”.

Un’ampia presentazione volta ad analizzare le scelte progettuali alla base dei nuovi servizi di igiene ambientale (pulizia strade, raccolta RSU e servizi complementari), che prevedono un calendario di incontri nel mese di luglio con tutti i protagonisti principali di questo processo di cambiamento. Il rinnovamento dei servizi ambientali punta alla riduzione della produzione dei rifiuti e conseguentemente dei costi di smaltimento in discarica, all’introduzione del sistema di raccolta porta a porta per utenze domestiche e non domestiche, alla realizzazione di un centro comunale di raccolta da realizzarsi in via Martiri delle Foibe ( nelle vicinanze della caserma VVFF), grazie al finanziamento di 330 mila euro da parte della regione Puglia/ATO BA/5 e di 150 mila euro da parte del comune. Questi nuovi metodi dovrebbero tradursi inoltre nella determinazione di un nuovo metodo di calcolo della TARSU più equa, non più basato solo sulla superficie dell’immobile ma anche tenendo conto del numero di residenti.