gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Banner
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Putignano – Niente finanziamento per l’ampliamento della biblioteca
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Putignano – Niente finanziamento per l’ampliamento della biblioteca

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Attualità

Il progetto presentato risulta ammissibile ma non finanziabile. Si spera in un eventuale ripescaggio o di slittamento della graduatoria

PutigBiblioteca_di_Putignano_chiostronano Ba - Il progetto di completamento biblioteca comunale ‘Filippo De Miccolis Angelini’ di Putignano, già ammesso a verifica da parte della Regione Puglia, per un finanziamento di circa 500mila euro, è stato ritenuto ‘ammissibile ma non finanziabile per esaurimento della dotazione finanziaria disponibile’.

Questa la motivazione riportata nell’elenco delle istanze finanziate, finanziabili o non ammesse, pubblicato in questi giorni dalla Regione Puglia a fronte del bando per il recupero e la riqualificazione di beni artistici e architettonici.

L’istanza di partecipazione all’avviso pubblico regionale era stata presentata dal Comune di Putignano il primo settembre scorso,  per attingere ad un fondo di circa 17 milioni di euro stanziato per lo scopo dall’ente regionale. La selezione è avvenuta innanzitutto considerando l'ordine di arrivo dei progetti attraverso la procedura telematica avviata alla mezzanotte del 1 settembre scorso. Nonostante il rispetto dei tempi, Putignano si collocata solo al 48° posto dell’elenco.

Unica speranza a questo punto, resta quella di un eventuale ripescaggio o di slittamento della graduatoria. Obiettivo del Comune di Putignano era quello di rendere agibili alcuni locali della biblioteca ancora inutilizzabili, eseguire alcuni adeguamenti e creare una nuova sala multidisciplinare.