gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Riqualificazione beni culturali: ammessa l'istanza per la biblioteca di Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Riqualificazione beni culturali: ammessa l'istanza per la biblioteca di Putignano

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 9
ScarsoOttimo 
Attualità

In caso di accoglimento definitivo, il finanziamento consentirà di completare alcune sale attulmente inutilizate e di eseguire altri lavori di ampliamento

PBiblioteca_Putignano_foto_Gugroutignano Ba – Buone notizie dalla locale amministrazione sul fronte della cultura.Un progetto di completamento biblioteca comunale ‘Filippo De Miccolis Angelini’, ex convento delle Carmelitane risalente al 1568, è stato ammesso a verifica da parte della Regione Puglia, per un finanziamento richiesto di circa 500mila euro.

L’istanza di partecipazione all’avviso pubblico regionale era stata presentata dal comune di Putignano il primo settembre scorso nell’ambito di un bando che mette a disposizione circa 17 milioni di euro per il recupero di beni artistici e architettonici. Obiettivo è quello di rendere agibili alcuni locali della biblioteca ancora inutilizzabili e creare una nuova sala multidisciplinare.

Il bando prevedeva che il costo dell’intervento fosse non superiore a 1.000.000 di euro e imponeva la presentazione di un solo progetto per ogni comune. In caso di ammissione al finanziamento, l’amministrazione comunale dovrà assumere Obbligazioni Giuridicamente Vincolati (aggiudicazione provvisoria ai sensi della delibera CIPE n. 21/2014) entro il 31 dicembre 2015.

Nel corso degli anni il patrimonio librario e documentale della biblioteca di Putignano si è accresciuto grazie a molte donazioni ed oggi consta di quasi  60mila unità bibliografiche.

Circa 5.000 volumi sono di interesse storico, tra cui 395 cinquecentine, due delle quali stampate a Venezia da Aldo Manuzio e 710 edizioni del Seicento.

Sono inoltre conservati nell'ex convento delle carmelitane circa 1.500 volumi provenienti dal locale monastero dei Cappuccini, tutti rilegati in pergamena, prevalentemente opere di argomento religioso. L’emeroteca comprende circa trecento testate di periodici cessati e correnti, fra cui La Gazzetta del Mezzogiorno rilegata dal 1940.