gototopgototop
Gruppo_Delfine_-_Promozione_antiparassitari_705x178_lowBCC_iniziativa_2018_950x240

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Ricco Gioielli linea Mirco Visconti
Banner
Banner
Sotto inchiesta 22 medici degli ospedali di Putignano, Castellana e del Policlinico di Bari
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Sotto inchiesta 22 medici degli ospedali di Putignano, Castellana e del Policlinico di Bari

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 
Attualità

L’inchiesta per omicidio colposo che tocca anche medici della clinica Giovanni Paolo II di Putignano, è partita dalla Procura di Bari a seguito del decesso di un 81enne, dopo il ricovero nelle quattro diverse strutture ospedaliere

P118_mezziutignano Ba – La notizia è stata diffusa ieri dall’Ansa e da alcuni dei principali quotidiani nazionali. Il pm Manfredi Dini Ciacci ha iscritto nel registro degli indagati 22 medici del Policlinico di Bari, degli ospedali di Castellana Grotte e Putignano e della clinica Giovanni Paolo II di Putignano e il 28enne che aveva investito l’anziano.

Si attende ora l’esito dell’autopsia, disposta dalla Procura e affidata ai medici legali Antonio De Donno e Nicola Brienza, che consentirà di stabilire le cause della morte e accertare eventuali responsabilità dei sanitari che hanno avuto in cura l'uomo dopo l’incidente stradale.

Il fatto (fonte Repubblica.it)

L’incidente risale al 27 maggio scorso. Sebastiano D'Armento, di 81 anni di Modugno, era a bordo della sua bicicletta quando fu investito da un’auto guidata da un 28enne di Terlizzi, in una via di Modugno.

L’81enne, soccorso dal 118 fu trasportato al Policlinico e intubato per grave crisi respiratoria, con fratture vertebrali multiple e della clavicola destra. Poi è stato quindi trasferito nel reparto di Rianimazione dell'ospedale De Bellis di Castellana Grotte. Dopo circa un mese di ricovero, le condizioni dell’anziano, secondo i familiari, sarebbero migliorate, tanto che il successivo 14 luglio, l'81enne è stato trasferito presso la struttura Giovanni Paolo II di Putignano per la riabilitazione.

Il 2 agosto, però, l’anziano è stato nuovamente ricoverato nell'ospedale di Putignano per ipotensione e febbre. Dopo essere stato sottoposto a dialisi , il 6 agosto è sopravvenuto il decesso per choc settico, insufficienza multi organica e arresto cardiorespiratorio.
La famiglia della vittima, difesa dall'avvocato Francesco Paolo Sisto, ha presentato una denuncia. L'esito dell'autopsia, alla quale parteciperanno anche consulenti di parte, si conoscerà entro 90 giorni.