Comunicato Stampa

Giovedì 06 giugno 2013, ore 18.30,  Corso Vittorio Emanuele 53/63 (centro storico) Putignano

Time_For_UsPutignano Ba - Giovedì 06 giugno 2013 alle 18.30 presso l’ Associazione Fidas di Putignano in Corso Vittorio Emanuele 53/63 , il gruppo informale Time for us presenta il progetto europeo: ME & YOU and the Europe.

Progetto finanziato dal programma europeo Gioventù in azione, azione 1.2 e coordinato da un gruppo di giovani putignanesi con il prezioso supporto del Coach: Agnieszka Cichon Anita. Il gruppo informale invita a condividere la mission del progetto per essere direttamente coinvolto in una rete europea di giovani.

Il progetto è stato finanziato dal Programma ‘Gioventù in Azione’, programma della Commissione Europea - Direzione Generale Istruzione e Cultura, che promuove l'educazione non formale, i progetti europei di mobilità giovanile internazionale di gruppo e individuale attraverso gli scambi e le attività di volontariato all'estero, l'apprendimento interculturale e le iniziative dei giovani di età compresa tra i 13 e i 30 anni.

Me & You and The Europe’ è stato progettato dal gruppo informale ‘Time for us’, costituito da cinque ragazzi, uno  dei quali è diversamente abile, e si avvale del supporto della dottoressa Agnieszka Cichon, europrogettista ed educatrice professionale che ha svolto il ruolo di Coach per affiancare i partecipanti e supervisionare il Progetto.

Il responsabile del progetto è il dottor Nicola Di Masi, già vincitore del progetto InPlay, progetto che ha permesso di costituire la società Cooperativa sociale InPlay.

Durante i 30 incontri che si svolgeranno tra maggio ed ottobre , il gruppo informale ‘Time for us’ discuterà insieme ai cittadini del nostro paese, sulla cittadinanza europea e sui suoi diritti; sull’importanza dell’ Europa in un momento così difficile e sulle prossime elezioni del Parlamento europeo nel 2014.

Gli incontri saranno inoltre mirati a sensibilizzare i ragazzi, dando loro informazioni utili sulle opportunità dei programmi europei per i giovani. Infine si discuterà, tramite video-conferenza degli stessi temi con i ragazzi residenti in altri Paesi  Europei.

 
Condividi