gototopgototop

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Banner
Oggi al cinema
Dogman

Spettacoli: Sala: 17:30, 19:30

LORO 2

Spettacoli: Sala: 21:30

Sala Margherita
Info: tel.080.4055979
via Cappuccini,28 Putignano

Altre sale (Seven, Warner, ecc) ...
Il Carnevale e il Mediterraneo
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Il Carnevale e il Mediterraneo

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Appuntamenti

Carnevale di Putignano 2013 III convegno internazionale di studi  'La maschera e il potere'.  Dal 7 al 9 febbraio la Biblioteca Comunale e la Sala Margherita di Putignano

Carnevale_e_mediterraneo_2013Putignano (Ba) - Anche quest’anno torna il tradizionale appuntamento con il convegno di studi internazionale che mette a confronto il Carnevale e il Mediterraneo. Voluto dall’amministrazione comunale di Putignano e in particolare dall’assessorato alla Cultura del comune, il convegno è giunto oggi alla sua terza edizione.

Il tema scelto per quest’anno è La maschera e il potere. Rispettando la scadenza biennale data dai due precedenti appuntamenti del 2009 e del 2011, i cui atti ufficiali sono stati raccolti in due pubblicazioni a cura del prof. Piero Sisto e Piero Totaro dell’Università di Bari “Aldo Moro” (Il Carnevale e il Mediterraneo. Tradizioni, riti e maschere del Mezzogiorno d’Italia, Progedit, Bari 2010; La maschera e il corpo, Progedit, Bari 2012), anche quest’anno a Putignano si incontreranno antropologi, demologi, storici, sociologi, studiosi della tradizione letteraria e popolare provenienti da diverse Università. Il convegno sul Carnevale oggi, infatti, è ormai un punto di riferimento per tutta la comunità scientifica.

Dal 7 al 9 febbraio la Biblioteca Comunale e la Sala Margherita di Putignano ospiteranno dunque tre intense giornate di riflessione e di approfondimento per approfondire la conoscenza del nostro patrimonio storico-antropologico, e soprattutto per rafforzare il senso di appartenenza alla civiltà mediterranea. Una cultura, quella dei Paesi bagnati dal mar Mediterraneo, che è da sempre e uno straordinario luogo di incontro e di confronto tra culture, razze e religioni diverse, piuttosto che una minacciosa e impenetrabile barriera.

Ad inaugurare i lavori del convegno, giovedì 7 febbraio, dopo i saluti di rito da parte del Sindaco di Putignano, Gianvincenzo Angelini De Miccolis, Giuseppe Genco, assessore alla Cultura, Martino Sgobba, dirigente scolastico del Polo liceale “Majorana-Laterza” di Putignano, Carmelo Grassi, presidente Teatro Pubblico Pugliese, Paolo Ponzio, professore di Storia della Filosofia all’Università di Bari “Aldo Moro” e Silvia Godelli, assessore regionale al Mediterraneo, Cultura e Turismo, ci penserà l’antropologo Luigi Maria Lombardi Satriani dell’Università “La Sapienza” di Roma.

A lui è affidato l’incarico di presentare gli atti prodotti nel 2011 dopo il convegno sul tema La maschera e il corpo, cui seguiranno gli interventi di Pasquale Guaragnella (Università di Bari) e di Sebastiano Martelli (Università di Salerno), rispettivamente in tema di Amori e vita parlamentare dall’Illusione all’Imperio di Federico de Roberto e Carnevale e cibo nella letteratura dell'emigrazione.

La seconda giornata di studi sarà moderata, nella prima parte, da Domenico Scafoglio (Università di Salerno) e dedicata alle relazioni di Angela Drago (Università di Bari) su Maschere cupe della modernità: il carnevale nella novellistica verghiana; Grazia Distaso (Università di Bari) su I “Borgia” di Pietro Cossa; Laura Barletta (Università Suor Orsola Benincasa - Napoli e Scuola Superiore di Studi Storici - Università di San Marino) su Chiesa, Stato, Città e ceti nel carnevale napoletano del secolo XVIII e infine Ignazio Buttitta (Università di Palermo) sul tema Mascherati di zolfo, spazi sociali e simboli rituali.

Nel pomeriggio, invece, il lavori saranno coordinati da Luigi Lombardi Satriani. Si inizierà con Matteo Pellegrino (Università di Foggia) che parlerà di Degradazioni ‘carnevalesche’ dell'immagine di Zeus nella commedia attica antica. Seguiranno: Domenico Scafoglio (Università di Salerno) su I carnevali immaginari; Pietro Sisto (Università di Bari) su La “maschera” dell'asino e i calci al potere; Piero Totaro (Università di Bari) su Maschere di potenti nella commedia greca antica e Raffaele Nigro (Scrittore, giornalista RAI) sul tema: Il comico e la politica.

Il 9 febbraio, giornata conclusiva del convegno, i lavori si terranno solo in mattinata presso il Teatro Margherita. Sarà Bernhard Zimmermann (Albert-

Ludwigs-Universität Freiburg) a dirigere gli interventi di Oscar Iarussi (Scrittore, giornalista, critico cinematografico) che parlerà sul tema: Giù la maschera: Fellini non era felliniano; Marxiano Melotti (SUM - Istituto Italiano di Scienze Umane) su Gli ultimi gladiatori: maschere, potere e rievocazioni storiche; Maurizio Bettini (Università di Siena e Berkeley University of California) su Le tre maschere dei Romani. Performance, identità, politica, e infine Marino Niola (Università Suor Orsola Benincasa - Napoli) su Il segreto di Pulcinella.

La conclusione ultima dei lavori sarà affidata, poi, al prof. Luigi M. Lombardi Satriani; a Corrado Petrocelli, Rettore dell’Università di Bari "Aldo Moro" e al presidente della Regione Puglia Nichi Vendola.

Anche per questa terza edizione del convegno si prevede la successiva pubblicazione degli Atti, in modo da continuare a proiettare il Carnevale di Putignano in una dimensione nazionale ed europea. Il percorso culturale e di studi, che si è attivato, e si è già concretizzato nella “Casa di Farinella” presso la Biblioteca Comunale, mira infatti all’istituzione e allo sviluppo di un Centro permanente di studi sulla tradizione carnevalesca e satirica, con rappresentanti di chiara fama del mondo scientifico al fianco delle istituzioni direttamente coinvolte e interessate allo sviluppo del progetto.

Obiettivi precipui del Centro saranno, infatti, il reperimento, la catalogazione, lo studio e la promozione del patrimonio culturale (materiale, librario e informatico) legato alla tradizione carnevalesca della Puglia e dell’Italia meridionale, nonché dei Paesi dell’area mediterranea. Un’attività di studio e di promozione che verrà incoraggiata anche attraverso l’istituzione di borse di studio da destinare a studenti e giovani ricercatori.