gototopgototop

Putignano Informatissimo, notizie dell'ultima ora

Play_electronics
Play_electronics
Banner
Oggi al cinema


Nessun film in programmazione
Sala Margherita
Info: tel.080.4055979
via Cappuccini,28 Putignano

Altre sale (Seven, Warner, ecc) ...
Putignano, riqualificazione del quartiere S.Pietro Piturno. Presentazione dei progetti
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti per l'informatica, telefonia e computer a Putignano
Tech 3.0, vendita e assistenza prodotti informatici, telefonia, dj poit
Banner

Putignano, riqualificazione del quartiere S.Pietro Piturno. Presentazione dei progetti

Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Appuntamenti
Riqualificazione_S.Pietro_Piturno

Venerdì 9 marzo alle 19, presso il centro Paolillo, presentazione dei progetti del PIRP (Piano Integrato di Riqualificazione delle Periferie) San Pietro Piturno

Putignano (Ba) – L'affidamento dei lavori fu fatto lo scorso 18 agosto 2011, con avviso pubblico al posto del bando di gara, per consentire tempi più brevi di esecuzione delle procedure e delle opere.

Nel consiglio comunale di mercoledì 10 agosto 2011, era stato approvato l’atto di retrocessione del suolo in località S.Pietro Piturno, ceduto nel 1989 a titolo gratuito alla diocesi di Conversano. Il Comune rientrò nella disponibilità del suolo mai utilizzato dalla diocesi.

L’operazione consentiva di dare seguito agli interventi di recupero del Quartiere S.Pietro Piturno inseriti nel PIRP (Piano Integrato di Riqualificazione delle Periferie), verde pubblico e attrezzato, spazi, pedonali e parcheggi di servizio, ecc., per i quali è prevista la copertura regionale per oltre 850mila euro.

Grazie a due finanziamenti di provenienza regionale, il primo di 179.251 euro circa e il secondo di 686.588 euro, sarà valorizzato turisticamente il bosco Romanazzi Carducci, nonché realizzati all’interno del quartiere, parcheggi, verde pubblico attrezzato, ecc..

Il successivo 18 agosto scadevano i due avvisi pubblici del Comune di Putignano per l’affidamento dei lavori. Il sistema dell’avviso pubblico, fu preferito al più classico bando di gara, in quanto il valore degli incarichi è inferiore al milione di euro. Questo tipo di scelta dovrebbe consentire tempi più brevi di esecuzione delle procedure e delle opere.